Privacy Policy Cookie Policy

mercoledì 31 ottobre 2018

Al pin

Al pin


Nuovo appuntamento con Idea Menù e nuovo tema. Oggi vogliamo proporvi un menù per il 2 novembre. Qui da me non è una ricorrenza molto ricordata...viene ritenuta buona norma recarsi al cimitero per visitare i cari che non ci sono più, ma io preferisco andarci il altre giornate, quando non c'è folla...
Trovare una portata tipica per questo menù è stato difficile e dopo aver scomodato nonne, zie e libri vari ho preparato una ricetta che a casa nostra si mangia spesso ma che non ho trovato codificata da nessuna parte. "Al pin", letteralmente "il ripieno", è un piatto che in origine era povero, diciamo di riciclo. Nasceva infatti per potersi permettere di "mangiare carne" un giorno in più dopo aver fatto il brodo. Preparare il brodo e quindi avere il lesso da servire a tavola era un lusso e la resdora conservava un pezzetto della carne per preparare questo piatto il giorno dopo e dare sapore ad ingredienti semplici. Nel tempo si è evoluto e io vi propongo la versione che preparano la mia nonna e la mia mamma. 

3 pugni di pane grattugiato
3 pugni di parmigiano grattugiato
1 uovo
1 spicchio di aglio
qualche foglia di prezzemolo
50gr pancetta
sale
pepe
brodo di carne

Tritate finemente nel mixer la pancetta con il prezzemolo e l'aglio. In una terrina mescolate il pane grattugiato, il formaggio, una presa di sale e una grattata di pepe con il mix che avete tritato. Aggiungete l'uovo e mescolate con un cucchiaio. Unite poi qualche cucchiaio di brodo, il necessario per amalgamare bene gli ingredienti e formare un polpettone. Arrotolate il ripieno in un foglio di carta stagnola, bucherellate con uno stuzzicadenti e fate cuocere per 35-40 minuti immerso nel brodo bollente. Ripescate il vostro ripieno, eliminate la carta stagnola e tagliatelo a fette prima di servire.

Ecco il resto del menù:

da Sabrina il dolce: fave dei morti
da Carla la 5° portata: ballotte con crema di prescinseua 



domenica 28 ottobre 2018

Gnocco fritto

Gnocco fritto


Una ricetta di casa mia, uno sfizio a cui di tanto in tanto non riesco a rinunciare e una certezza...quello del nonno era imbattibile, il mio ci si avvicina parecchio ma non è lo stesso.
Questa è una delle ricette che mi ha insegnato lui, uno dei miei piatti del cuore e adesso lo è ancora di più...
Per la ricorrenza dei defunti non andrò al cimitero, non mi piace, sembra sia obbligatorio ricordarsi dei cari che non ci sono più solo in quel giorno, che si debba portare i fiori solo perchè è scritto sul calendario. Io ci vado quando ho un po' di tempo indipendentemente dal giorno e dall'ora. E poi diciamo la verità, quando una persona ti è cara è nei tuoi pensieri sempre e non solo nei cinque minuti in cui sei lì.



300gr farina
100gr latte
75gr acqua frizzante
10g olio e.v.o.
un cucchiaino raso di sale
olio di oliva per friggere

In una terrina mescolare la farina con il sale. Unire poi il latte e iniziare ad impastare.
Aggiungere anche l'acqua e lavorate ancora. Unite per ultimo l'olio e lavorate energicamente fino ad ottenere una palla liscia e omogenea. Prendete un pezzo di impasto e stendetelo con la macchinetta per la pasta fresca. Tagliate dei pezzi irregolari con una rotella dentellata. Friggete pochi pezzi per volta in abbondante olio di oliva. 
Il gnocco fritto è delizioso da sola ma ancora di più accompagnato da formaggi e salumi! 😉









giovedì 25 ottobre 2018

Crostini con salsa al radicchio

Crostini con salsa al radicchio


Oggi vi propongo una ricetta che sa di casa, dei pomeriggi trascorsi con il mio nonnino e che mi ha fatto ricordare ancora una volta quanto mi manchi. La salsa al radicchio era uno dei suoi cavalli di battaglia e al ristorante andava sempre a ruba. Non è troppo laborioso da preparare ma dovete avere pazienza e farlo riposare qualche ora prima di servirlo.

1/2 radicchio rosso
1/2 radicchio variegato
1 cuore di finocchio
10 pomodorini ciliegino
succo di limone
sale
pepe
olio
origano
1 baguette
maionese


Lavate e tritate grossolanamente i due tipi di radicchio. Mondate e tritate anche il finocchio. Tagliate i pomodorini a pezzi piccolissimi. Raccogliete tutte le verdure in una terrina e condite con una spruzzata di limone, sale, pepe e origano. Se volete dare quel tocco in più aggiungete anche i ciuffetti del finocchio tritati finemente.
Mettete la salsa a riposare in frigo coperta con pellicola. 
Al momento di servire tagliate a fette la baguette e tostatela su una griglia ben calda.
Distribuite su ogni crostino un ciuffo di maionese e un cucchiaio di salsa. Servite subito accompagnato da un buon bicchiere di vino.

martedì 23 ottobre 2018

Garganelli con lenticchie e pancetta piccante

Garganelli con lenticchie e pancetta piccante


Un bel piatto di pasta o riso non può mancare nel nostro menù giornaliero. Anche i legumi ho imparato ad integrarli e adesso compaiono molto spesso sulla nostra tavola. Che siano in zuppa o in polpette mi piacciono molto ma capita anche di cuocerne un po' troppo. Questa pasta è proprio nata per impiegare in modo diverso una manciata di lenticchie già cotte. La pancetta piccante ha conferito quel tocco particolare che lo ha reso un piatto davvero sfizioso.

per 2 persone

4 cucchiai di lenticchie già cotte
50gr pancetta piccante
180gr garganelli
sale

In una padella antiaderente fate sudare per qualche minuto la pancetta. Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Frullate metà delle lenticchie con un po' di acqua di cottura della pasta e mettete da parte. Togliete la pancetta dalla padella e rimuovete il grasso in eccesso. Mescolate ora le lenticchie intere che avete tenuto da parte e la pancetta e rimettete il tutto in padella. Fate scaldare qualche minuto a fuoco basso e poi aggiungete anche la crema di lenticchie. Scolate la pasta e saltate con il condimento. Potrebbe essere necessario aggiungere un po' di acqua di cottura per rendere la salsa della giusta densità. Impiattate e servite subito.

domenica 21 ottobre 2018

Cosce di pollo alla contadina

Cosce di pollo alla contadina


Ormai siamo in pieno autunno ma le temperature sono ancora piacevoli e l'orto ci regala le ultime delizie estive. Questo pollo è nato proprio dall'unione delle ultime verdure dell'orto e dalle cosce del pollo rimaste dopo aver preparato l'omogenizzato per Gabriele.
Un piatto del riciclo ma così buono che sarebbe da replicare al più presto!

2 cosce di pollo
1 zucchina
1 carota
1 patata
1 peperone rosso
5-6 pomodorini o 1 pomodoro ben maturo
50gr pancetta a cubetti
1/2 bicchiere di vino bianco
sale
pepe
brodo di carne
olio e.v.o.

Lavate e mondate le verdure. Tagliatele a cubetti piuttosto regolari e mantenetele divise tra loro. In una padella dai bordi alti scaldate un cucchiaio di olio. Aggiungete le cosce di pollo e la pancetta e rosolate per qualche minuto. Unite ora patata,carota e peperone. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare. Aggiungete anche la zucchina, una presa di sale e una macinata di pepe. Aggiungete un mestolino di brodo caldo, calate il fuoco, mettete il coperchio e cuocete per una decina di minuti. Aggiungete anche il pomodoro e proseguite la cottura fino a che la carne non risulta tenera. Spegnete e servite il pollo con il contorno di verdure.  



venerdì 19 ottobre 2018

Linguine al lambrusco, uva bianca e ricotta salata

Linguine al lambrusco, uva bianca e ricotta salata


Continua la carrellata di ricette prettamente autunnali...dopo castagne e funghi oggi parliamo di uva!
L'uva si presta molto bene ad abbinamenti agrodolci e quando ho visto questa ricetta sul numero di settembre di Facile cucina non ho resistito a provarla. Ho fatto alcune modifiche e il risultato mi ha soddisfatto parecchio. Devo dire che l'abbinamento è davvero super gustoso, tanto che l'abbiamo già replicata due volte. 

per 2 persone

200gr linguine
50gr uva bianca (io senza semi)
1/2 bottiglia di lambrusco
100gr pancetta affumicata a cubetti
30gr ricotta salata grattugiata
sale
olio piccante

In una pentola dai bordi alti versate il lambrusco e rabboccate con un po' di acqua. Portate ad ebollizione, salate e calate la pasta. Nel frattempo lavate l'uva e tagliatela a metà. In una padella rosolate la pancetta e unite gli acini d'uva tagliati a metà. Cuocete per 2 minuti a fuoco vivace. Scolate la pasta e mettetela nella padella con il condimento. Saltate velocemente il tutto e aggiungete la ricotta salata. Mescolate ancora e servite subito.

Con questa ricetta partecipo fuori gara al Mystery Basket contest ospitato per i mesi di settembre e ottobre da Elena di Zibaldone Culinario. Affrettatevi, avete tempo fino al 26 ottobre per partecipare!

mercoledì 17 ottobre 2018

Tagliatelle con porcini e curry

Tagliatelle con porcini e curry


Oggi Idea Menù vi propone 5 portate dal sapore autunnale. 
Qui da me trovate un primo velocissimo ma particolare grazie all'aggiunta del curry.


per 2 persone

200gr funghi porcini (io surgelati)
250gr tagliatelle fresche all'uovo
1/2 bicchiere di latte
1 cucchiaio abbondante di curry
sale
olio e.v.o.

Scaldate un filo di olio in una padella antiaderente e unite i funghi porcini tagliati a fette. Saltateli per circa 5 minuti poi bagnate con il latte e abbassate la fiamma. Aggiustate di sale e unite il curry. Lasciate andare ancora 1 minuto ma fate in modo che il sughetto rimanga piuttosto liquido. Unite le tagliatelle scolate al dente e saltatele velocemente in modo che assorbano il condimento. Spegnete e servite subito.

Ecco il resto del menù:

da Paola l'antipasto: patè di funghi con cracker
da Sabrina il secondo: sformato di zucca



lunedì 15 ottobre 2018

Ciambella alle castagne con glassa al cioccolato

Ciambella alle castagne con glassa al cioccolato


Oggi siamo in pieno mood autunnale con questa ciambella alle castagne. La ricetta è di Mamma Gy, io ho fatto solo delle minuscole modifiche. Il risultato è molto gustoso, soffice e goloso grazie alla glassa al cioccolato. Con una fetta di questa ciambella alle castagne e un bel tè caldo avrete una merenda da re!

per uno stampo da 24cm

150gr farina di castagne
200gr farina tipo 1
180gr zucchero
130ml olio di semi
1 bustina di lievito per dolci
100ml latte 
4 uova
un pizzico di sale

per la glassa

100gr cioccolato fondente
50gr zucchero
50gr acqua


In una terrina mescolate le due farine con il lievito. Nella ciotola della planetaria montate le uova con lo zucchero e il sale. Aggiungete poi a filo l'olio e il latte. Unite infine le farine un po' per volta e lavorate fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Ungete uno stampo da ciambella da 24cm e versate tutto l'impasto. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 35 minuti circa. Sfornate e lasciate raffreddare completamente. Sformate la torta e disponetela su una gratella. Preparate la glassa: in un pentolino portate a bollore acqua e zucchero per creare uno sciroppo. Unite il cioccolato a pezzi e mescolate fino a rendere la glassa liscia. Spegnete e lasciate intiepidire. Versate la glassa a cascata sulla ciambella alle castagne. Lasciate asciugare e trasferite su un piatto da portata. 


mercoledì 3 ottobre 2018

Barchette di salame

Barchette di salame


Oggi Idea Menù pensa ad una cena improvvisata, di quelle che devono essere pronte in tavola in massimo 15 minuti. Io ho preparato l'antipasto e davvero più veloce di così non si può! Qualche fettina di salame, una cremina di robiola e qualche oliva e il gioco è fatto!

salame a fette spesse
1 robiola
2 cucchiai di latte
pepe
olive verdi

In una ciotolina mescolate la robiola con il latte e il pepe. Mettete una cucchiaiata di robiola in ogni fetta di salame, infilate in uno stuzzicadenti un'oliva e fermate la fetta di salame per formare una barchetta. Impiattate e servite. Qualche tarallo a completare il tutto e l'antipasto è servito!

Ecco il resto del menù:

da Sabrina il primo: pasta al sugo di tonno e olive
da Carla il secondo: saltimbocca alla romana




martedì 2 ottobre 2018

Torta allo yogurt

Torta allo yogurt


Oggi è la festa dei nonni e noi li festeggiamo con una torta semplice e genuina che sa tanto di casa: la torta allo yogurt!
E' velocissima da preparare e buonissima a colazione con una bella tazza fumante di cappuccino.

per uno stampo da 24cm

1 vasetto di yogurt bianco
1 vasetto di olio di semi
2 vasetti di zucchero semolato
3 vasetti di farina (io tipo 1)
2 uova
1/2 vasetto di latte
1 bustina di lievito per dolci

Accendete il forno a 180°. Imburrate e infarinate lo stampo a cerniera. In una ciotola mettete lo yogurt, lo zucchero, la farina, l'olio e le uova. Lavorate il tutto con uno sbattitore elettrico fino a renderlo bello gonfio. Unite il latte e il lievito e continuate a lavorare l'impasto. Versate la torta nello stampo e cuocete in forno statico per 35-40 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare. Cospargete con abbondante zucchero a velo e servite.

AdSense

Ti potrebbero interessare anche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...