Privacy Policy Cookie Policy

mercoledì 11 luglio 2018

Risotto fichi e gorgonzola

Risotto fichi e gorgonzola


Oggi Idea Menù vi propone un menù di cinque portate a base di frutta. Qui da me trovate il primo. Dato che è periodo di fichi ho pensato di proporre un gustoso risotto fichi e gorgonzola. La preparazione è quella del risotto classico e il gorgonzola è stato aggiunto in parte in cottura e in parte alla fine.

per 2 persone

180gr riso
3 fichi
100gr gorgonzola 
brodo vegetale qb
1/2 bicchiere di vino bianco
sale
pepe
burro

In una padella ampia tostate il riso. Sfumate con il vino bianco e cominciate la cottura. Proseguite aggiungendo il brodo vegetale caldo al bisogno. Salate e pepate.  A pochi minuti dalla fine della cottura aggiungete 2 fichi sbucciati e tagliati a pezzetti e metà del gorgonzola anch'esso a pezzetti. Completate la cottura, mantecate con una noce di burro e aggiustate di sale e pepe se necessario. Aggiungete anche il restante gorgonzola e impiattate. Sbucciate e tagliate a spicchi il fico che avevate lasciato da parte e mettetene due spicchi in ogni piatto prima di servire.

Ecco il resto del menù:

da Laura la 5° portata: smoothie alla frutta

lunedì 9 luglio 2018

Cous cous ai 3 pomodori con alici

Cous cous ai 3 pomodori con alici


Il gran caldo è arrivato e il cous cous in questo periodo è uno dei miei piatti preferiti. E' velocissimo da preparare, buono anche freddo e si presta ad innumerevoli varianti. Di ritorno dal mare ci siamo fermati in una bellissima azienda agricola dove abbiamo potuto fare scorta di prodotti freschi, di stagione e a km0. Sul banchetto di legno era esposti ordinatamente tutti i prodotti e i trattori continuavano ad andare avanti indietro portandone direttamente dai campi sempre di freschi. L'occhio è caduto subito sui pomodorini, che io adoro. C'erano i classici rossi, quelli gialli e quelli neri. Ecco dunque quali sono i protagonisti del nostro cous cous. Per rendere il tutto completo e bilanciato ho aggiunto i filetti di alici del Mar Adriatico della linea Bio Rizzoli Emanuelli

per 1 porzione

80gr cous cous
5 pomodorini gialli
5 pomodorini rossi
5 pomodorini neri
6 filetti di alici
olio e.v.o.
sale
origano

Reidratate il cous cous in 90ml di acqua calda leggermente salata (o brodo vegetale se preferite). Nel frattempo lavate i pomodorini e tagliateli in quarti. Sgranate il cous cous, unite i pomodorini conditi con olio, origano e sale e mescolate il tutto. Sminuzzate tre filetti di alici e aggiungeteli al cous cous. Impiattate ponendo sopra gli altri tre filetti di alici. 


domenica 8 luglio 2018

Mystery Basket Contest maggio-giugno...il vincitore

Mystery Basket Contest maggio-giugno...il vincitore


Anche la tappa del Mystery Basket Contest di Maggio e Giugno è finita. Devo ringraziare moltissimo Milena per aver ospitato per questi due mesi il contest e per avermi aiutato così tanto nella gestione.
La scelta del vincitore non è stata facile ma siamo andate di pancia e fatalità la nostra golosità è finita per scegliere lo stesso piatto!
Con un ritardo clamoroso eccomi ad annunciare il vincitore...

Il piatto che ci ha fatto più gola questa volta è 

pasta con le fave e il salame d'la duja di Elena di Zibaldone Culinario

Per la prima volta anche il contest si prende un breve periodo di vacanza...
Vi aspettiamo quindi a Settembre da Elena per aprire il nuovo cestino!





giovedì 5 luglio 2018

POLENTA FRITTA

POLENTA FRITTA


Continua l'ondata di aperitivi e finger food. Oggi infatti voglio proporvi una ricetta che qui è della tradizione. Un antipasto che si trova spesso nei ristoranti insieme al gnocco fritto e all'erbazzone. Tutto sommato è molto semplice e può essere un ottimo modo per riciclare la polenta avanzata in modo delizioso. 

1 bicchiere farina di polenta istantanea
3 bicchieri di acqua
1 cucchiaino di sale grosso
olio per friggere

Innanzitutto preparate la polenta. Portate a bollore l'acqua salata. Spegnete e unite la farina a pioggia mescolando con una frusta. Rimettete sul fuoco e portate di nuovo ad ebollizione cuocendo fino a raggiungere la consistenza desiderata. Versate la polenta in una teglia rettangolare leggermente unta e fate raffreddare. Ponete in frigo per un paio d'ore e poi tagliate dei cubetti il più possibile regolari. In una pentola dai bordi alti scaldate l'olio per friggere. Non appena sarà pronto tuffate nell'olio alcuni cubetti di polenta e lasciate friggere fino a che non risulteranno ben dorati. Scolate i cubetti di polenta su carta assorbente. Condite con un pizzico di sale e servite la polenta fritta con un aperitivo a piacere.

martedì 3 luglio 2018

SUSHI ALL'ITALIANA

SUSHI ALL'ITALIANA


La nostra vita negli ultimi mesi è cambiata radicalmente... Il tempo per noi e per fare altro oltre ai genitori è davvero pochissimo. 
Una piccola premessa per introdurvi questa ricetta veloce, gustosa e finger food. Al cibus ho assaggiato il prosciutto toscano dop, sono tornata a casa e non vedevo l'ora di impiegarlo nella mia cucina. Tempo pochi giorni la ricetta era studiata, preparata e fotografata...poi è passata nelle bozze del blog e lì è rimasta per più di un mese. Preparata con i primi asparagi della stagione ora potrete replicarla con gli ultimi (se li trovate ancora) o con fagiolini, bastoncini di peperone o carota. Sono deliziosi con qualsiasi verdura nel cuore!

prosciutto toscano dop a fette sottili
asparagi mondati e cotti 
(o altre verdure come carote e peperoni a bastoncini)
formaggio spalmabile
sale
pepe
latte qb

per le crepes

3 uova
250gr farina
500ml latte
burro qb

Preparate le crepes. In una terrina sbattete le uova e unite il latte. Setacciate la farina direttamente dentro la ciotola con uova e latte e amalgamate con una frusta per rendere omogeneo il composto. Scaldate l'apposita padella, ungetela con un po' di burro e versate un mestolo di pastella. Muovete ruotando la padella per distribuire omogeneamente il composto e lasciate cuocere. Girate la crepes e fate cuocere anche dall'altro lato. Mettete da parte e procedete così fino a terminare tutta la pastella. In una terrina lavorate il formaggio spalmabile con sale, pepe e qualche cucchiaio di latte per renderlo morbido. Stendete sul piano di lavoro un foglio di pellicola. Disponete sopra 3 fette di prosciutto toscano dop leggermente accavallate tra di loro. Poggiate la crepes sopra la base di prosciutto, spalmate con il formaggio e disponete l'asparago (o la verdura che avete scelto) ad una estremità e iniziate ad arrotolare cercando di stringere bene. Arrotolate il salsicciotto ottenuto nella pellicola. chiudete bene le estremità e mettete in frigo a riposare per un paio d'ore. Riprendete i vostri salsicciotti, eliminate la pellicola e tagliate delle rondelle di circa 2 dita di spessore. Completate con una bandierina colorata per ogni roll e servite il vostro sushi all'italiana con un bel bicchiere di vino.



domenica 1 luglio 2018

PANINI DA BUFFET AL POMODORO CON PESTO E FETTINE CLASSICHE

PANINI DA BUFFET AL POMODORO CON PESTO E FETTINE CLASSICHE


Alcune settimane fa abbiamo celebrato il battesimo di Gabriele. Per l'occasione il buffet offerto ad amici e parenti era quasi tutto preparato in casa dalla sottoscritta con l'aiuto della mamma e della mia Chiaretta.


Ecco una bella panoramica! Tra le delizie presenti sul tavolo c'erano questi panini. Preparati in anticipo per la "stampa" e poi replicati per la festa. Sono una ricetta che si può considerare furba perchè si possono fare in anticipo e congelare. Basterà metterli a temperatura ambiente 4-5 ore prima di consumarli e sembreranno appena fatti!
Questi panini si preparano con lievito di birra e quindi sono anche veloci da far lievitare.
Siccome avevamo ospiti vegetariani questi erano dedicati a loro e farciti in due varianti: con pesto e fettina classica e con patè di olive e scamorza. 
L'indicazione della quantità di panini ricavati è un po' vaga perchè ne ho fatte 4 infornate e non me sono venuti mai lo stesso numero, però oscillavano sempre tra i 25 e i 30 panini.

per 25-30 panini

600gr farina tipo 1
10gr lievito di birra
300gr latte
20gr zucchero
15gr sale
75gr olio e.v.o.
6 cucchiai di passata di pomodoro

per farcire

pesto alla genovese (io senza aglio)
fettina classica Bergader

Preparate in un bicchiere graduato il latte e fatelo intiepidire. Versate una parte del latte pesato in un bicchiere e unite lo zucchero e il lievito. Mescolate e lasciate riposare qualche minuto. Nel frattempo preparate gli altri ingredienti. Versate nella ciotola della planetaria la farina. Unite il latte restante e quello con il lievito. Iniziate a lavorare a bassa velocità poi unite la passata di pomodoro. Quando sarà incorporata unite il sale e poi l'olio a filo lasciando lavorare la macchina. Procedete l'impasto fino a che non risulta ben incordato. Potrebbe essere necessario unire qualche cucchiaio extra di farina in base all'umidità della vostra passati di pomodoro. Formate una palla, coprite la ciotola della planetaria con della pellicola e mettete a lievitare per 30 minuti nel forno spento con la luce accesa. Riprendete l'impasto e formate tanti pezzetti da circa 30gr. Arrotolateli su se stessi per dare una forma tonda e liscia e disponeteli ben distanziati su una teglia ricoperta con carta forno. Lasciate riposare fino al raddoppio. In genere circa 3 ore ma con questo caldo in 2 ore erano già pronti. Preriscaldate il forno a 200°. Spennellate i panini con un po' di latte (a temperatura ambiente) e cuocete in modalità statica per 10 minuti circa. La cottura dipende molto dal vostro forno, nel mio bastano 8 minuti, in quello dei miei genitori ne sono serviti 10...quindi non perdeteli di vista!
Sfornate i panini e lasciateli raffreddare.
Una volta freddi potete decidere di conservarli. In questo caso raccoglieteli in un sacchetto per il freezer e congelateli subito. Quando deciderete di servirli tirateli fuori con 4-5 ore di anticipo e lasciate scongelare completamente a temperatura ambiente prima di procedere alla farcitura.
Noi siamo passati subito alla prova assaggio...
Tagliate a metà i panini, spalmate le due parti con un velo di pesto e farcite con due fettine classiche Bergader. Chiudete e fermate con uno stuzzicadenti.

Ora non vi resta che aspettare di trovare le nuovissime Fettine Bergader nel vostro supermercato di fiducia e provare la mia ricetta! Nel nostro buffet i panini sono andati a ruba!




mercoledì 27 giugno 2018

TORTA SALATA CON POLLO E PEPERONI

TORTA SALATA CON POLLO E PEPERONI


Oggi Idea Menù vi propone alcune idee da portare al mare. Io ho immaginato qualcosa da preparare in anticipo e quindi ho preparato una deliziosa torta salata perfetta da mangiare anche a temperatura ambiente. 
Pollo e peperoni sono un abbinamento classico e sempre molto gustoso. Oggi ho deciso di proporvelo in una torta salata con l'aggiunta di scamorza affumicata. E' stato un esperimento davvero ben riuscito e il maritino continua a chiedere quando la preparo di nuovo perchè è stata spazzolata in un secondo.

1 rotolo di pasta briseè
1 peperone rosso
1 peperone giallo
1/2 petto di pollo
200gr scamorza affumicata
vino bianco
sale
pepe
olio e.v.o.

Lavate accuratamente i peperoni e tagliateli a dadini abbastanza regolari. Tagliate a dadini più o meno delle stesse dimensioni anche il petto di pollo. Scaldate un cucchiaio di olio in una padella capiente e unite i peperoni e il pollo a pezzetti. Sfumate con un po' di vino e aggiustate di sale e pepe. Cuocete per circa 10 minuti a fuoco medio. Spegnete e lasciate raffreddare completamente. Rivestite con la pasta briseè una tortiera rotonda e pungetela qui e là con una forchetta. Tagliate a cubetti anche la scamorza e mescolatela ai pollo con i peperoni. Farcite la base di pasta briseè con il ripieno di pollo, peperoni e scamorza e ripiegate la parte di pasta che sborda sul ripieno. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti circa. Controllate che la base sia ben cotta prima di sfornarla e se dovesse scurirsi troppo in superficie coprite con della stagnola. Sfornate e lasciate intiepidire prima di servirla.

Ecco il resto del menù:

da Sabrina il primo: insalata di riso venere
da Carla il secondo: valdostana di melanzane
da Laura il dolce: muffin con le ciliegie
da Paola la 5° portata: acqua rinfrescante dell'acquaiolo




giovedì 21 giugno 2018

TORTA MENTA E CIOCCOLATO

TORTA MENTA E CIOCCOLATO





Oggi è una giornata speciale...sarebbe stato il compleanno del nonno. Negli anni c'era una sorta di tacito accordo per cui il 21 giugno io andavo a trovarli nella casa in montagna e portavo un dolcetto, gli auguri però glieli facevamo il giorno dopo. Era uno sguardo silenzioso, un sorriso di nascosto con cui io mostravo di ricordarmi che era quello il giorno e lui mostrava di apprezzare quel piccolo pensiero anche se portava con sè una macchietta di dolore (purtroppo proprio lo stesso giorno venne a mancare la sua mamma e da lì non volle più festeggiare in quel giorno). Quel 21 giugno di ormai tanti anni fa ebbi un brutto presentimento, una sensazione che stesse per succedere qualcosa di brutto e mi venne confermata quando vidi l'ambulanza passarci davanti al ritorno dalla pizzeria. L'8 marzo di quest'anni arrivò una sensazione molto simile ma sul momento ho dato la colpa alla gravidanza, all'ansia degli ultimi giorni, alla stanchezza dei preparativi...Purtroppo all'uscita dell'ultimo controllo in ospedale ho incontrato lo zio con gli occhi lucidi e una volta arrivata a casa dei miei genitori mi è crollato tutto addosso. La notizia mi ha sconvolto, nel pomeriggio il mio nonnino si era addormentato. Solo 12 giorni prima di poter vedere quel nipote che tanto aveva desiderato di conoscere, quel nipote che gli aveva dato la forza di rimettersi in forma dopo un difficile intervento al cuore, quel nipote con cui parlava ogni volta fosse possibile sebbene fosse ancora nella pancia. Vi confesso che sebbene siano passati alcuni mesi fatico a farmene una ragione, spesso mi sogno di trovarmelo davanti a casa che mi suona il campanello per dirmi che era uno scherzo. Spesso mi ritrovo ad osservare il mio Gabriele e notare piccoli gesti che erano tipici suoi. E' stata una cosa talmente improvvisa che ci ha sconvolto tutti. Quest'anno festeggerà di nuovo con la sua mamma e il suo papà e noi da qui gli invieremo lo stesso il nostro pensiero speciale. Da pochi mesi abbiamo un angelo in più che ci protegge e nei momenti tristi mi dico che ora da lassù veglia su tutti noi.

per uno stampo da 20cm

2 uova
130gr zucchero
1 yogurt al cocco
100ml olio di semi
200ml sciroppo alla menta
100ml latte
200gr farina (io tipo 1)
80gr farina di cocco
1 bustina di lievito

nutella e cocco per completare

In una terrina sbattete le uova con lo zucchero. Unite lo yogurt, l'olio, lo sciroppo di menta e il latte. A parte mescolate le due farine e il lievito e aggiungetele poco alla volta al composto sbattendo con le fruste. Quando il composto è omogeneo trasferitelo in uno stampo a cerniera foderato con carta forno. Cuocete in forno già caldo a 180°C per 40 minuti circa. Sfornate, lasciate raffreddare e prima di servire spalmate in superficie una dose generosa di nutella e spolverate con altra farina di cocco.

lunedì 18 giugno 2018

FREGOLA RISOTTATA CON MELANZANE, POMODORINI E RICOTTA SALATA

FREGOLA RISOTTATA CON MELANZANE, POMODORINI E RICOTTA SALATA


Qui la voglia della bella stagione si fa sentire e quindi iniziamo a sfruttare alcuni ingredienti estivi nei nostri piatti. Oggi la fregola sarda, che io adoro, incontra le melanzane e i pomodorini per creare un piatto veloce ma super gustoso e saporito grazie alla ricotta salata. Credo che questo piatto potrebbe essere considerato un veloce "viaggio al Sud" ma stando comodamente seduti a tavola!

per 2 persone

1 melanzana
1 salsiccia
6-7 pomodorini
160gr fregola
brodo vegetale
sale
pepe
ricotta salata

Mondate la melanzana e tagliatela a cubetti abbastanza omogenei. Eliminate il budello della salsiccia e spezzettatela. Scaldate un tegame antiaderente e iniziate a far sudare la salsiccia. Unite poi la melanzana e la fregola e fate cuocere per 1 minuto circa. Bagnate con il brodo vegetale caldo e fate cuocere. Dopo 10-12 minuti aggiungete i pomodorini lavati e tagliati in quattro e portate a cottura la fregola. Aggiustate di sale se necessario e unite una macinata di pepe. Spegnete, impiattate e completate con una grattugiata generosa di ricotta salata.

Con questa ricetta partecipo fuori gara al Mystery basket di maggio e giugno ospitato da Dolci e pasticci. Avete tempo fino al 24 giugno per partecipare!



venerdì 15 giugno 2018

CROSTONI DI FARRO CON CREMA DI FAVE E FINOCCHIONA

CROSTONI DI FARRO 
CON CREMA DI FAVE E FINOCCHIONA IGP



A Cibus ho scoperto anche una delizia tutta italiana,la Finocchiona IGP. Ne avevo sentito parlare spesso, ma onestamente non l'avevo mai assaggiata. Durante la fiera invece ne ho avuta l'occasione e me ne sono innamorata! Sulla mia tavola è arrivata in abbinamento alla pagnotta al farro (ormai un tormentone nella mia cucina) e ad una crema di fave fresche direttamente dall'orto e ad uno stracchino di un piccolo caseificio qui vicino. Ho voluto unire in un antipasto facile e veloce la toscana che ho scoperto al Cibus e le piccole realtà che mi circondano creando un concentrato di sapore.
Per la pagnotta vi rimando alla ricetta originale infatti ho solamente sostituito la farina integrale indicata con farina di farro macinata a pietra.

3-4 fette di pane al farro
200gr fave già mondate
2-3 cucchiai di stracchino
sale
pepe
finocchiona IGP a fette

Lavate le fave sotto acqua corrente e mettetele a bollire in sola acqua per 10 minuti. Scolatele e lasciatele raffreddare (per velocizzare questo passaggio potete passarle per qualche secondo sotto l'acqua fredda). Io preferisco eliminare la pellicina, ma è un passaggio che rimane a vostra discrezione. Raccogliete nel mixer le fave pulite e già raffreddate con lo stracchino, sale e pepe. Frullate il tutto grossolanamente. Componete il vostro antipasto spalmando la crema di fave sulle fette di pane intiepidite e completate con due fette di finocchiona IGP. 

mercoledì 13 giugno 2018

SFOGLIATA VELOCE CON RICOTTA E SPINACI

SFOGLIATA VELOCE CON RICOTTA E SPINACI


Oggi Idea Menù vi propone un menù estivo. Io ho la 5° portata e ho optato per una torta salata veloce e perfetta per una gita fuori porta.  Mi sono ispirata al classico erbazzone ma questa è molto più semplice, veloce e sbrigativa quindi la chiamerò semplicemente sfogliata. Nei miei progetti c'è quello di fare il vero erbazzone ma per il momento vi lascio questa versione veloce!

per la pasta

250gr farina tipo 1
120ml acqua frizzante
30ml olio e.v.o.
sale

per il ripieno

300gr bietole
300gr spinacini
250gr ricotta
150gr parmigiano grattugiato
1 cucchiaio di olio e.v.o.
sale
pepe

In una terrina impastate la farina con l'acqua tiepida, l'olio e il sale. Lavorate fino ad avere un impasto liscio e omogeneo. Coprite con pellicola e mettete da parte a riposare. Lavate e mondate le bietole e gli spinaci. Scaldate l'olio in una padella antiaderente e unite le verdure scolate. Coprite con il coperchio e cuocete per qualche minuto a fiamma bassa. Quando iniziano ad appassire unite un pizzico di sale, mescolate e completate la cottura. Spegnete e lasciate raffreddare. Strizzate le verdure cotte per eliminare l'acqua in eccesso e tritatele (io le faccio molto fini, ma potete decidere di tritarle solo grossolanamente). In una terrina mescolate le verdure tritate con la ricotta e il parmigiano. Aggiustate di sale e pepe e mettete da parte. Dividete in due l'impasto preparato in precedenza e stendete due sfoglie di uguale larghezza e spessore. Adagiate la prima sfoglia su una placca rivestita di carta forno, stendete sopra il ripieno lasciando circa 1cm libero tutto intorno e chiudete appoggiando sopra l'altra sfoglia. Fate dei piccoli buchetti qua e là sulla superficie e spennellate con un mix di acqua frizzante e olio in parti uguali. Cuocete in forno statico preriscaldato a 200° per 15 minuti circa.

Ecco il resto del menù:

da Sabrina l'antipasto: salsa di ceci al sesamo
da Laura il secondo: insalata estiva di polpo
da Paola il dolce: gelato con l'uvetta


venerdì 8 giugno 2018

GAMBERI SPEZIATI CON VERDURE


  1. GAMBERI SPEZIATI CON VERDURE


Seduta sul divano con Gabri pieno di febbre per il primo vaccino ripenso a questi deliziosi e velocissimi gamberi che ho preparato qualche sera fa. Adoro le spezie e in questi piatti semplici danno il meglio di sé.



per 2 persone

2 carote
1 zucchina
1 scalogno
olio e.v.o.
1 cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di curcuma
250gr gamberi sgusciati
250gr gamberoni sgusciati
vino bianco
semi di sesamo

Scaldate un paio di cucchiai di olio in una padella antiaderente e unite le spezie e lo scalogno tritato finemente. Mondate le verdure e tagliatele a cubetti omogenei. Uniteli alle spezie nella padella e sfumate con il vino. Cuocete per circa 5 minuti a fiamma vivace mescolando spesso. Unite i gamberi e i gamberoni. Aggiustate di sale e pepe e cuocete per 8 minuti circa. Aggiungete i semi di sesamo, saltate velocemente per amalgamare il tutto, spegnete e servite.




mercoledì 6 giugno 2018

SOFFICINI HOME MADE

SOFFICINI HOME MADE


Questo è uno dei "falsi d'autore" che più amo perchè posso farcirli in mille modi diversi e sentire veramente il sapore del ripieno a differenza dei classici da supermercato. E' una ricetta che ho preparato già tantissime volte e da tempo è nel mio archivio, ma fino ad ora avevo rimandato di pubblicarla. Il solo consiglio che posso darvi è di prepararne in eccesso già che ci siete e di congelarli prima della cottura come spiegato in fondo al post. All'occorrenza basterà infilarli in forno e avrete una cena deliziosa pronta in pochissimo tempo e con poco sforzo!

per 15-20 sofficini

per l'impasto

1 tazza di latte
1 tazza di farina (io tipo 1)
1 cucchiaio di burro
1 cucchiaino di sale

per farcire

100ml besciamella
prosciutto cotto
scamorza bianca
passata di pomodoro

per impanare

2 uova
pane grattugiato

In un pentolino dal fondo spesso scaldate il latte con il burro e il sale. Non appena inizia a bollire aggiungete la farina e iniziate a mescolare con un cucchiaio di legno. L'impasto risulterà piuttosto duro ma è normale. Lasciatelo intiepidire e trasferitelo su una spianatoia infarinata e iniziatelo a lavorare a mano fino a che risulta liscio e omogeneo. Adesso l'impasto risulterà anche morbido. Coprite l'impasto con la pellicola e lasciatelo riposare fino a che non sarà completamente freddo. Riprendete l'impasto e stendetelo su una spianatoia infarinata in una sfoglia di circa 3mm. Ritagliate dei cerchi con un coppapasta (o una tazza). Iniziate ora a farcire i vostri sofficini. Io ho optato per 2 ripieni diversi: prosciutto e scamorza e pomodoro e scamorza. Mettete al centro di un cerchietto un pezzo di prosciutto cotto, qualche dadino di scamorza e un cucchiaino di besciamella. Chiedete a mezzaluna pressando bene per sigillare i bordi. Per il secondo ripieno mettete al centro del dischetto un pochino di pomodoro, qualche cubetto di scamorza e un cucchiaino di besciamella. Chiudete come prima e procedete fino a creare tutti i sofficini. Ovviamente potete sbizzarrirvi con i ripieni che più vi piacciono. Passate i bordi di ogni sofficino con i rebbi di una forchetta per sigillarli ulteriormente e passate all'impanatura. In un piatto fondo sbattete le due uova con sale e pepe e versate il pane grattugiato in un altro piatto. Passate ogni sofficino prima nell'uovo e poi nel pane. Man mano che sono pronti disponeteli su carta forno. Riponeteli in frigo fino al momento di cuocerli. 
Ora potete decidere se friggerli o cuocerli in forno preriscaldato a 180°C in modalità statica per circa 20 minuti (in questo ultimo caso spennellateli con un po' di olio prima di infornarli). 
Prima della cottura potete anche decidere di congelarli. In questo caso metteteli su un vassoio con carta forno e metteteli in freezer così per una notte poi raccoglieteli negli appositi sacchetti.

lunedì 4 giugno 2018

PENNE CON MELANZANE, POMODORINI E GAMBERI

PENNE CON MELANZANE, POMODORINI E GAMBERI


Ormai la pasta è alla base della mia dieta infatti mi consente di avere un piatto unico sano e gustoso ma pronto in poco tempo.

per 2 persone

160gr penne (io integrali)
1/2 melanzana
5-6 pomodorini
10 gamberi
sale
olio piccante

Lavate la melanzana e tagliatela a dadini. Scaldate una padella antiaderente e cuocete la melanzana a fiamma media con un paio di cucchiai di acqua. Lavate i pomodorini e tagliateli in quattro. Quando la melanzana è quasi cotta unite i pomodorini e i gamberi e cuocete ancora il tutto per 2-3 minuti. Unite la pasta appena scolata, saltate il tutto e completate con un filo di olio piccante prima di servire. 



lunedì 28 maggio 2018

GIRELLA DI PANE INTEGRALE CON MARMELLATA DI ARANCE

GIRELLA DI PANE INTEGRALE CON MARMELLATA DI ARANCE


Se siete alla ricerca di una colazione sana e sfiziosa questa girella di pane integrale fa al caso vostro. E' di una bontà unica e accompagnata da una bella tazza di the o un cappuccino rende il momento della colazione irrinunciabile. Ecco la colazione giusta per iniziare al meglio questa settimana che sarà lunga e con tanti km da macinare!

175gr farina integrale
100gr farina tipo 1
150ml acqua frizzante
3gr di sale
10ml olio e.v.o.
16gr lievito madre secco

per farcire

marmellata di arance

Nella planetaria mescolate le due farine. A parte sciogliete il lievito madre secco nell'acqua frizzante e unite il tutto alle farine. Iniziate a mescolare il tutto e unite il sale e l'olio. Continuate a lavorare l'impasto a media velocità fino a che non risulta incordato. Prelevate l'impasto, lavoratelo a mano per qualche minuto fino a renderlo perfettamente omogeneo. Lasciate riposare per una decina di minuti poi stendetelo in un rettangolo con il lato più corto uguale al lato lungo dello stampo da plumcake dove lo metterete a lievitare. Spalmate uno strato uniforme di marmellata di arance e iniziate ad arrotolare la girella più stretta che riuscite. Disponete il vostro pane nello stampo da plumcake e mettete a lievitare nel forno spento con la luce accesa fino al raddoppio (io circa 2 ore e mezza). Preriscaldate il forno a 220° e cuocete in modalità statica per 25-30 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare prima di tagliarlo a fette e servirlo.






venerdì 25 maggio 2018

TORTIGLIONI DI RISO INTEGRALE CON GAMBERETTI E VERDURE ALLA SALSA DI SOIA

TORTIGLIONI DI RISO INTEGRALE CON GAMBERETTI E VERDURE ALLA SALSA DI SOIA


Sempre durante la mia visita al Cibus 2018 ho conosciuto e assaggiato i prodotti di un'altra eccellenza tutta italiana. Felicia significa pasta e farine gluten free. 
Sulla mia tavola sono arrivati due tipi di pasta Felicia completamente diversi tra loro. Oggi vi mostro come abbiamo gustato i tortiglioni di riso integrale. 
Questo piatto gustoso è semplice e veloce da preparare e mi da una grande soddisfazione veder saltare tutti questi ingredienti colorati nel mio nuovo wok. 
Attenzione che nel caso di commensali intolleranti al glutine dovete cercare la salsa di soia adatta poichè molte contengono glutine.

per 2 persone

2 carote
1 mazzo di asparagi
200gr gamberetti
180gr tortiglioni di riso integrale Felicia
salsa di soia qb
olio e.v.o.

Mondate gli asparagi eliminando la parte dura del gambo e tagliateli a pezzetti dopo averli lavati sotto acqua corrente. Mondate anche le carote e tagliatele a bastoncini. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Nel frattempo scaldate un cucchiaio di olio nel wok. Unite le verdure e cuocete per 2-3 minuti. Unite la salsa di soia (circa 2 cucchiai) e 2 cucchiai di acqua e cuocete per altri 7-8 minuti. Aggiungete anche i gamberetti e proseguite la cottura per altri 2 minuti. Scolate la pasta e unitela nel wok. Saltate velocemente il tutto e servite.


mercoledì 23 maggio 2018

BOMBA DI RISO REGGIANA CON FETTINA AFFUMICATA

BOMBA DI RISO REGGIANA CON FETTINA AFFUMICATA


Da poco più di una settimana si è concluso il Cibus 2018, evento a cui ho avuto il piacere di partecipare. A fianco delle eccellenze tradizionali di tutta Italia sono state presentate anche tante novità che saranno presto sul mercato. Tra queste ho avuto il piacere di provare nella mia cucina in anteprima le Fettine Bergader. Novità del caseificio bavarese che va ad affiancarsi ai già noti Bavaria Blu e Cremosissimo. Ho deciso di utilizzare le Fettine affumicate per arricchire un piatto della mia tradizione, la bomba di riso. Facendo alcune ricerche ho scoperto che è tipico non solo della mia città, ma di tutta l'emilia e anche della lunigiana. Esistono tante varianti tra cui compaiono quella con mozzarella, quella con ragù di piccione e quella con funghi porcini. Io ho riprodotto quella di casa mia, quella che mangiavo così volentieri da piccola a casa dei nonni, quella che sa di tradizione della mia famiglia. In questa versione ha un cuore filante "a sorpresa" che ha colpito i miei commensali e reso speciale il nostro piatto della domenica. La preparazione è un po' laboriosa ma ne vale davvero la pena. Utilizzando alcuni trucchetti è però possibile dividere il lavoro in più momenti ad esempio preparando in anticipo il ragù di carne (come vi ho già detto spesso io preparo il pentolone e poi lo congelo in monoporzioni in modo da averlo sempre pronto) oppure componendo la bomba di riso al mattino per poi infornarla pochi minuti prima di mettersi a tavola. 


per il ragù
 500gr macinato di manzo
2 salsicce
250ml passata di pomodoro
1 carota
1 costa di sedano
1 scalogno
spezie
( cannella, origano, pepe, noce moscata, chiodi di garofano)
sale
olio e.v.o.

per la bomba di riso

200gr riso
brodo di carne qb
1/2 bicchiere di vino bianco
burro qb
parmigiano grattugiato
Fettine affumicate Bergader
prosciutto cotto a fette non troppo sottili

Preparate per prima cosa il ragù. In una casseruola ampia e dai bordi alti rosolate sedano, carota e cipolla tritati finemente con un cucchiaio di olio e.v.o. Unite poi il macinato di manzo e le salsicce sgranate. Lasciate rosolare per qualche minuto poi unite un po' di acqua. Aggiungete le spezie. Io onestamente le aggiungo ad occhio però quelle a cui fare più attenzione sono cannella e chiodi di garofano perchè se si esagera potrebbero influenzare molto il gusto del ragù. Vi consiglio quindi di mettere circa 1/2 stecca di cannella e non più di un paio di chiodi di garofano. Lasciate cuocere per circa 1 ora mescolando spesso e aggiungendo un po' di acqua se necessario. Unite poi la passata di pomodoro e una presa di sale. Lasciate cuocere ancora per 1 ora circa. Aggiustate di sale e spegnete. 
Passate ora alla preparazione del riso. Tostate il riso in una casseruola, sfumate con il vino bianco e continuate la cottura aggiungendo brodo caldo al bisogno. Quando il riso è pronto aggiustate di sale e mantecate con burro e abbondante parmigiano. Foderate uno stampo da ciambella con le fette di prosciutto cotto. Versate all'interno uno strato di riso, fate uno strato di Fettine affumicate e ricoprire con il riso restante. Ripiegate le fette di prosciutto per chiudere la ciambella. Cuocete in forno già caldo a 180°C per 15 minuti. Sfornate, rovesciate la bomba di riso su un piatto da portata e riempite il buco centrale con il ragù caldo prima di servire. 




lunedì 21 maggio 2018

MUFFIN CON FERRERO ROCHER

MUFFIN CON FERRERO ROCHER


Ieri Gabriele ha compiuto due mesi...
Ci sono giorni in cui mi sembra di essere tornata ieri dall'ospedale e altri invece in cui mi sento sprofondare nella stanchezza e che siano anni che non dormo. 
La mia relax-terapia preferita è mettere le mani in pasta, così tra una poppata e l'altra mentre Gabri dormiva io ho preparato questi golosi muffin per festeggiare al termine del pranzo domenicale.
Sono velocissimi e facilissimi da fare e racchiudono al loro interno una deliziosa sorpresa.
Se avete una giornata storta vi consiglio di correre in cucina a prepararli, dopo l'assaggio tutto tornerà dritto!

per 6 muffin

1 uovo
50gr zucchero semolato
40gr latte
40gr olio di semi di girasole
60gr farina tipo 1
5gr cacao amaro
4gr lievito per dolci
6 cioccolatini Ferrero Rocher

In una terrina capiente mescolate l'uovo con lo zucchero, l'olio e il latte. Unite poi la farina, il lievito e il cacao amaro setacciati insieme. Mescolate velocemente il composto. Disponete 6 pirottini in una teglia da forno e riempiteli di 2/3 con l'impasto. Aggiungete al centro di ognuno un cioccolatino senza spingerlo verso il basso. Cuocete in forno già caldo a 180°C per 15-20 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare. 

Io li ho assaggiati per merenda con una bella tazza di tisana e mi hanno decisamente risollevato il morale!

mercoledì 16 maggio 2018

INSALATA DI POLLO

INSALATA DI POLLO


Oggi Idea Menù vi propone cinque idee per riciclare gli avanzi rimasti nel frigo.
Io ho preparato il secondo e ho optato per una fresca e gustosa insalata. A volte, per via dei tempi stretti, decido di comprare per cena il pollo allo spiedo. Purtroppo quasi sempre ne avanza un pezzetto che una volta riposto nel frigo viene dimenticato. A casa nostra il principale problema degli avanzi è che spesso e volentieri la quantità è troppo poca per 2 persone. In questo caso ne ho ricavato un meraviglioso piatto che mi ha risolto in pochi minuti anche la cena del giorno dopo.

per 2 persone

lattughino
50gr mais
1 carota
un quarto di pollo allo spiedo
una manciata di olive verdi
3-4 fette di pan carrè
sale
olio e.v.o.

lavate accuratamente il lattughino, asciugatelo nello scola insalata e mettetelo in una terrina. Mondate anche la carota e tagliatela a julienne. Tagliate a metà anche le olive e spolpate il pollo riducendolo in piccoli bocconcini. Mettete tutto nell'insalatiera e unite anche il mais. Mescolate il tutto, condite con sale e olio e mettete da parte. Tagliate il pancarrè a cubetti. Scaldate una padella con un filo di olio e fate dorare i crostini. Aggiungeteli all'insalata e servite. 

Ecco il resto del menù:

da Laura l'antipasto: muffin con patè di olive
da Sabrina il dolce: pudding


martedì 15 maggio 2018

PASTA CON RAGU' DI LENTICCHIE

PASTA CON RAGU' DI LENTICCHIE


In questi giorni il tempo è piovoso e freddino quindi mi è tornata voglia di piatti più caldi e coccolosi.
Inoltre mi sono posta l'obiettivo di svuotare la dispensa dagli ingredienti che userei meno durante l'estate e quindi ecco come ho impiegato parte del mio pacchetto di lenticchie.

per 2 persone

160gr rigatoni
ricotta salata

per il ragù di lenticchie

100gr lenticchie
1 carota
1 costa di sedano
1 scalogno
4 cucchiai di passata di pomodoro
sale
1 peperoncino
acqua o brodo vegetale
olio e.v.o.

Tritate finemente sedano, carota e scalogno. In una pentola dai bordi alti scaldate due cucchiai di olio. Unite il peperoncino tritato e le verdure che avete preparato. Rosolate il tutto per qualche minuto poi unite le lenticchie, la passata di pomodoro e un paio di mestoli di acqua o brodo. Lasciate cuocere a fuoco dolce per 30 minuti circa mescolando spesso e unendo del liquido quando serve. Aggiustate di sale e proseguite la cottura per altri 10 minuti circa. Cuocete la pasta e unitela appena scolata alla pentola con il sugo. Saltate il tutto e completate con una grattugiata abbondante di ricotta salata prima di servire.

Se vi dovesse avanzare del ragù di lenticchie suddividetelo in monoporzioni e una volta freddo copritelo con pellicola e riponetelo nel frigo per 2 giorni o in freezer.



domenica 13 maggio 2018

GNOCCHI ALLA SORRENTINA

GNOCCHI ALLA SORRENTINA


Un piatto semplice, della tradizione, veloce ma assolutamente gustoso. Un piatto che io adoro. Il piatto che mi sono dedicata per questa prima festa della mamma!

per 2 persone

400gr gnocchi di patate
passata di pomodoro
qualche foglia di basilico
sale
pepe
1 mozzarella
parmigiano grattugiato

Tagliate a fettine la mozzarella e mettetela a scolare tra due fogli di carta assorbente. In una padella antiaderente scaldate un filo di olio e unite la passata di pomodoro.Conditela con sale, pepe e qualche foglia di basilico e fate cuocere a fuoco basso per 20-30 minuti. Cuocete gli gnocchi e scolateli non appena salgono a galla. Raccoglieteli in una pirofila leggermente unta, conditeli con la passata di pomodoro (io ho eliminato le foglie di basilico prima di unirla agli gnocchi) e il parmigiano. Mescolate il tutto e completate con le fettine di mozzarella. Passateli nel forno preriscaldato a 250° in modalità grill per 5 minuti circa. Sfornate e servite subito.

AdSense

Ti potrebbero interessare anche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...