martedì 29 novembre 2016

MYSTERY BASKET NOVEMBRE: IL VINCITORE!

MYSTERY BASKET NOVEMBRE: IL VINCITORE!


Anche la tappa di novembre del Mystery Basket è finita ed è stato un successone!
Hanno partecipato ben 25 ricette tutte molto appetitose da qui potete immaginare la difficoltà che abbiamo avuto io e Fulvio di In cucina con Fischio a decretare il vincitore.
Come da tradizione i criteri di valutazione si sono basati sul n° di ingredienti usato e sull'originalità.
Ma passiamo al dunque....

rullo di tamburi....

il vincitore del Mystery Basket di novembre è

Raffaella del blog Petrusina 

Vi aspettiamo l'1 dicembre da lei per scoprire i nuovi 10 ingredienti del cestino.

lunedì 28 novembre 2016

FREGOLA CON LE ARSELLE

FREGOLA CON LE ARSELLE


Stamattina mi sono alzata con una gran voglia di sole, di stare all'aria aperta camminando un po' sotto quella luce calda che in questo periodo fa davvero piacere. Approfittando delle diverse commissioni da fare in paese avremmo volentieri fatto una passeggiata o una pedalata e invece quando abbiamo aperto le finestre ci ha accolto una brutta nebbia accompagnata da quella fastidiosa pioggerellina che mi mette proprio di cattivo umore.
Considerando che il sole fuori mi ha delusa assai oggi ho pensato di metterlo nel mio piatto. Un primo che sa di mare, di vacanze di qualche anno fa e di ricordi piacevoli, giornate passate in spiaggia con quel mare meraviglioso davanti che è tipico della sardegna. Un vero paradiso!
Beh tutto ciò resta nei ricordi, ma il sapore di questa deliziosa fregola aiuta notevolmente la memoria.
Noi l'abbiamo accompagnata con un buon vermentino di Sardegna comprato qualche mese fa ad una fiera.

160gr fregola
250gr vongole già spurgate
2 cucchiai di passata di pomodoro
sale
pepe
vino bianco
olio e.v.o.

Scaldate in una padella un filo di olio. Unite le vongole,alzate la fiamma e sfumate con mezzo bicchiere di vino. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere per qualche minuto scuotendo la pentola ogni tanto. Quando saranno aperte spegnete e mettete da parte. In una padella più grande scaldate un filo d'olio e unite la passata di pomodoro. Aggiustate di sale e pepe e unite la fregola. Filtrate un paio di volte il liquido di cottura delle vongole e unitelo alla fregola. Sgusciate le vongole tenendone da parte alcune per la decorazione finale. A pochi minuti dalla fine della cottura unite le vongole sgusciate. Impiattate la vostra fregola decorando con le vongole tenute da parte.
Io ho utilizzato anche qualche mestolo di brodo di pesce per portare a cottura la fregola poichè il liquido delle vongole non era sufficiente.






venerdì 25 novembre 2016

CROSTATA MORBIDA AL CAFFE'

CROSTATA MORBIDA AL CAFFE'



"Tutto nella mia vita ha a che fare con il caffè" (Lorelai Gilmore)

Oggi è il grande giorno! Dopo ben 8 anni di interminabile attesa finalmente sono arrivate la 4 puntate sequel di Gilmore Girl. Chiunque le conosca sa che le ragazze Gilmore non posso fare a meno del caffè e quelle tazze da asporto le accompagnano in ogni fase della loro vita. Questa per me è stata la SERIE TV quella con cui sono cresciuta, in cui mi sono immedesimata e per cui sono rimasta delusa dal finale. Per tutti questi motivi aspettavo questo giorno con ansia.  Ho fracassato le scatolette a tal punto che abbiamo fatto l'abbonamento a Netflix apposta e stamattina mi sono precipitata a vedere le puntate, curiosa di sapere come sarebbe andata a finire. Ovviamente non voglia spoilerare il finale ma mi ha lasciato un gusto decisamente amaro, proprio come il caffè!
Non so se hanno intenzione di continuare con altre puntate o se semplicemente vogliono che ognuno di noi immagini il finale che preferisce. Quel che so è che ho riguardato la scena finale per ben 3 volte per essere sicura che non ne mancasse un pezzetto.
Tornando al caffè...per questo giorno "speciale" ho voluto creare un dolcetto ad hoc, da gustare davanti alla tv, proprio come Lorelai e Rory fanno davanti ai loro film preferiti.
L'ingrediente principale è stato ovviamente il caffè che si è declinato in una crostata morbida con crema. Una sorta di torta Lindt ma più in stile Gilmore.

per uno stampo  furbo da 24cm

2 uova
100gr zucchero
95gr burro
195gr farina
1/2 bustina di lievito vanigliato
50ml caffè
1/2 bicchiere di latte

per la crema al caffè
150ml panna da montare
2 cucchiai di crema spalmabile cacao e caffè
 (io l'ho presa a Lidl)

per decorare
50ml panna da montare

Montate le uova con lo zucchero. Unite poi il caffè e il burro fuso. Setacciate la farina con il lievito e aggiungetele ai liquidi continuando a montare. Infine aggiungete anche il latte. Mescolate per ottenere un impasto uniforme. Imburrate per bene lo stampo e versate il composto all'interno. Infornate a 180° per 25 minuti circa. Sfornate e lasciate intiepidire prima di sformare. Quando la base sarà fredda cominciate a preparare la crema al caffè. In un pentolino scaldate la panna con la crema spalmabile mescolando di continuo fino a rendere il tutto liscio e omogeneo. Versate la crema ancora calda nell'incavo alla base della torta e lasciate raffreddare. Completate la vostra crostata morbida decorando con la restante panna montata.


mercoledì 23 novembre 2016

GNOCCHI DI PANE AL FARRO CON FUNGHI E SALAME

GNOCCHI DI PANE AL FARRO CON FUNGHI E SALAME


E' arrivato un nuovo mercoledì di Idea Menù. Questa volta abbiamo optato per un tema molto ampio e con infinite interpretazioni: i cereali e la farine speciali.
Io ero addetta al primo e ho approfittato di alcuni panini non troppo riusciti per preparare un primo molto riuscito!
Questi gnocchi di pane al farro sono un piatto del riciclo, perfetti per finire del pane avanzato o raffermo. Per renderli più idonei alla stagione ho optato per un condimento a base di funghi e qualche cubetto di salame poco stagionato per dare un tocco più particolare al tutto.
E' un piatto ricco, sostanzioso e ideale per la stagione fredda.

200gr pane di farro raffermo
200gr funghi champignon
5 fette di salame
latte qb
sale
pepe
olio e.v.o.
farina
parmigiano grattugiato
1 robiola
1/2 bicchiere di vino bianco

Tagliate a dadini piuttosto piccoli il pane raffermo. Mettetelo in una ciotola e aggiungete poco latte alla volta, mescolando e lasciando riposare una decina di minuti prima di aggiungerne altro. Aggiustate di sale e pepe. Nel frattempo pulite i funghi champignon e affettateli. In una padella scaldate un filo di olio e unite i funghi. Sfumate con il vino e lasciate cuocere qualche minuto. Prelevate un terzo dei funghi e poneteli nel tritatutto. Tagliate a dadini anche le fette di salame (tenendone da parte 2) e unitela ai funghi. Tritate il tutto e unitelo al pane. Aggiungete anche 3-4 cucchiai di parmigiano e mano a mano che impastate unite la farina necessaria per ottenere un impasto dalla consistenza simile a quella degli gnocchi di patate. Prelevate un pezzo di impasto, formate una bisciolina e tagliate gli gnocchi. Procedete così fino a terminare tutto l'impasto. Procedete con la preparazione del sugo. Sciogliete nella stessa padella dei funghi la robiola aiutandovi con qualche cucchiaio di latte. Unite poi i funghi che avevate tenuto da parte prima e regolate di sale e pepe. Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli quando vengono a galla e uniteli al sugo. Saltate il tutto per qualche minuto. Impiattate e guarnite con le due fette di salame tenute da parte ridotte a cubetti.

Ecco il resto del menù

da Carla l'antipasto: sformatino di pesce spada e bulgur


lunedì 21 novembre 2016

KASEKUCHEN

KÄSEKUCHEN


Giornata fredda, uggiosa e pigra. Questo lunedì è iniziato con una gran voglia di domenica!
Per addolcirlo un po' vi propongo una super torta, di origine tedesca e molto simile alla cheesecake. Anzi direi una big cheesecake! Eh sì il risultato è piuttosto sostanzioso e massiccio ma il sapore è davvero buono e reso perfetto dall'acidino dei lamponi usati come copertura finale.
Insomma questo dolce fa davvero giorno di festa!

per uno stampo da 20cm

185gr farina
95gr burro
1 cucchiaio di zucchero
1 tuorlo
scorza grattugiata di un limone

per la farcitura
3 uova
125gr zucchero
250gr quark
250gr ricotta
2 cucchiai di fecola
125ml panna
succo di 1 limone

per la salsa
zucchero a velo
lamponi

Lavorate la farina con lo zucchero, la scorza del limone e il burro a pezzettini fino ad avere un composto grumoso. Unite poi il tuorlo e lavorate fino ad ottenere un panetto morbido. Coprite con la pellicola e mettete a riposare in frigo per 30 minuti. Stendete ora la pasta e rivestite una tortiera a cerniera. Bucherellate con una forchetta e rimettete in frigo per altri 30 minuti. Preriscaldate il forno a 200°C e infornate per 10 minuti. Nel frattempo separate i tuorli dagli albumi. Montate gli albumi a neve e mettete da parte. Montate i tuorli con lo zucchero poi unite i formaggi. Unite ora anche la panna e la fecola sciolta nel succo di limone. Infine unite gli albumi montati a neve. Versate ora la crema al formaggio nella base e cuocete il forno caldo a 160°C per 1 ora. Fate raffreddare e riponete in frigo per un paio d'ore prima di sformarla. Nel frattempo preparate la salsa cuocendo i lamponi precedentemente lavati con lo zucchero a velo. Lasciate raffreddare e versate la salsa sulla torta prima di servirla.



sabato 19 novembre 2016

PIZZA A LUNGA LIEVITAZIONE CON FARINA DI FARRO

PIZZA A LUNGA LIEVITAZIONE CON FARINA DI FARRO


E' sabato e quindi si va di pizza! Una pizza che richiede tempo e pazienza questa volta, ma con un risultato davvero sorprendente. Una meraviglia soffice, saporita e colorata con la farcitura di verdure.
Ho usato 100% farina di farro macinata a pietra proveniente dai campi che vedo dalla finestra della casa in montagna e macinata a pochissimi km dal paese, insomma più controllata e a km zero di così non si può!
Per preparare questa meraviglia serve pochissimo lievito, ma tanta pazienza poichè necessita di 24 ore di maturazione in frigo.

per 1 teglia
400gr farina di farro macinata a pietra
320ml acqua tiepida (io frizzante)
2gr lievito di birra fresco
8-9gr sale
1 cucchiaio di olio e.v.o.
semola rimacinata qb

per farcire
1 mozzarella
1 zucchina
1 peperone rosso
2 carote
sale
pepe

Nella planetaria mettete la farina, e il lievito sciolto nell'acqua. Montate il gancio a foglia e lasciate lavorare a minima velocità per 5 minuti circa. Aumentate poi la velocità e lasciate lavorare fino a che l'impasto sembra che stia montando. Fermate la macchina e mettete ora il gancio per impastare. Unite sale e olio e lasciate lavorare a media velocità fino a che l'impasto non si staccherà perfettamente dalla ciotola e sarà tutto attorcigliato intorno al gancio. Oliate una ciotola e trasferite l'impasto facendo qualche piega nella ciotola. Coprite con la pellicola e mettete a riposare a temperatura ambiente per 30 minuti poi trasferite in frigo per 24 ore. Togliete poi l'impasto dal frigo e lasciatelo acclimatare per un paio d'ore a temperatura ambiente. 
A questo punto passate alla farcitura. Tagliate la mozzarella e mettetela a scolare per qualche ora. Mondate le verdure e tagliatele a cubetti il più possibile uniformi. Scaldate un filo di olio in una padella e aggiungete le verdure.  Saltatele a fuoco vivace per qualche minuto poi abbassate la fiamma, unite un pochino di acqua tiepida e coprite. Lasciate cuocere per una decina di minuti rigirandole di tanto in tanto. Una volta cotte togliete il coperchio e lasciatele raffreddare. Spolverate abbondantemente la teglia con la semola e versate l'impasto all'interno capovolgendo la ciotola senza toccarlo. A questo punto allargatelo delicatamente fino a coprire tutta la teglia. Un po' come si fa per la focaccia insomma!
Lasciate riposare così ancora per 30 minuti poi infornate a 180° per 7 minuti. Sfornate e condite con la mozzarella e le verdure. Rimettete la pizza in forno per altri 7-10 minuti. Sfornate e servite subito.



giovedì 17 novembre 2016

LASAGNA CON ZUCCA, SALSICCIA E TALEGGIO

LASAGNA CON ZUCCA, SALSICCIA E TALEGGIO


Continuiamo con il mood delle ricette autunnali e un po' rustiche. Oggi vi propongo una lasagna, gustosa e dai colori tipici del periodo. Si sa che la zucca è la regina dell'autunno e io quest'anno mi sono proprio fissata, Michele se l'è ritrovata anche a colazione nella torta che vi ho proposto qui!
Beh questa volta sono andata un po' più sul classico e l'ho impiegata in una lasagna unita a dei bocconcini di salsiccia e a del taleggio che in cottura è diventato cremoso e filante.
Noi abbiamo abbinato questo primo piatto così corposo al Lambrusco reggiano DOC Concerto della cantina Medici Ermete.


6 sfoglia fresche di lasagna
1/2 zucca delica
2 salsicce
100gr taleggio
1/2l di besciamella
sale
pepe
brodo di carne qb
parmigiano grattugiato

Mondate la zucca e tagliatela a cubetti di medie dimensioni. In una padella antiaderente calda fate rosolare la salsiccia privata del budello e ridotta a bocconcini. Cuocetela per qualche minuto dopo di che mettetela da parte. Nella stessa padella versate la zucca. Lasciatela rosolare appena e sfumate con il brodo tiepido. Abbassate la fiamma, coprite con un coperchio e cuocete così per una decina di minuti. Aggiustate di sale e pepe e mettete da parte. Preparate ora la besciamella come indicato qui. Riducete il taleggio a cubetti e iniziate ad assemblare la lasagna. Sporcate il fondo di una teglia con un cucchiaio di besciamella, disponete le prime due sfoglie di lasagna, altra besciamella, qualche cubetto di zucca e dei bocconcini di salsiccia. Aggiungete poi alcuni cubetti di taleggio e infine una spolverata di parmigiano grattugiato. Coprite con altre due sfoglie di lasagna e procedete come prima. Preriscaldate il forno a 180° C e infornate per 15-20 minuti in modalità statica.

Ricordate che nel caso in cui utilizziate sfoglie di lasagna secche è bene mantenere più liquida la besciamella e la cottura andrà effettuata a 200°C per 30 minuti coprendo la pirofila con la carta stagnola. Scoprite e lasciate gratinare per altro 10 minuti circa prima di servire.

martedì 15 novembre 2016

ARROSTO DI POLLO ALLA BIRRA SCURA CON PANCETTA E CAROTE GLASSATE AL MIELE

ARROSTO DI POLLO ALLA BIRRA SCURA CON PANCETTA E CAROTE GLASSATE AL MIELE


Eccomi finalmente entrata in modalità autunno. Sì lo so che ormai ovunque si trovano ricette dedicate alle feste ma ci arriverò! Per il momento iniziamo a goderci qualche piatto più caldo e dai colori tipici di questa stagione. Per la prima volta siamo riusciti a far venire le carote nell'orto. Dopo anni di tentativi abbiamo raccolto qualche bella carotina. Oltre a gustarcele al naturale abbiamo pensato di provarle glassate, come si vedono a Masterchef Australia e che nel piatto fanno una gran figura. Beh anche all'assaggio sono ottime!!
L'arrosto di pollo è una di quelle cose che tengo nel congelatore e che sfodero nel caso in cui il frigo sia vuoto o quasi. Infatti negli ultimi tempi sto usando tantissimo questo elettrodomestico perchè mi consente di approfittare delle offerte, risparmiare un pochino sulla spesa e correre ai ripari quando non abbiamo tempo di passare al supermercato o arriviamo a casa tardi la sera, magari anche piuttosto stanchi e con una voglia di preparare la cena che tocca lo zero!
Per questo arrosto ho optato per un tocco di sapore in più dato dai cubetti di pancetta e un'aroma particolare proveniente dalla birra scura.

per 2 persone

1 arrosto di pollo
100gr pancetta affumicata a cubetti
1 bicchiere di birra scura
brodo di pollo qb
sale
pepe
trito di aromi (rosmarino e salvia)

per le carote glassate
8 carote novelle
1 cucchiaino di miele
succo di limone
olio e.v.o
sale

In una padella antiaderente lasciate sudare la pancetta a cubetti per qualche minuto. Quando inizia a dorarsi prelevatela e mettetela da parte. Nella stessa padella mettete l'arrosto di pollo che avrete precedentemente massaggiato con gli aromi tritati, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Rosolatelo a fiamma viva da tutte le parti. Sfumate ora con la birra. Quando l'alcool della birra sarà evaporato aggiungete un mestolino di brodo, abbassate la fiamma e mettete il coperchio. Cuocete per 1 oretta circa rigirandolo di tanto in tanto e unendo altro brodo se dovesse asciugarsi troppo. Nel frattempo lavate accuratamente le carote, tagliate il ciuffo lasciandone circa 1 cm. In una tazza mescolate 1 cucchiaio di olio, il miele, una spruzzata di succo di limone e un pizzico di sale. Scaldate una padellina antiaderente, versate metà del condimento, aggiungete le carote e coprite con l'altra metà. Cuocete a fiamma non troppo alta per mezz'oretta circa o finchè non notate che si sono ammorbidite. Rigiratele spesso in modo che si condiscano uniformemente. Trascorsa un'ora togliete il coperchio dall'arrosto e lasciate ridurre il sugo a fiamma viva unendo nuovamente anche la pancetta. Servite il vostro arrosto tagliato a fette con qualche cubetto di pancetta e le carote glassate.


lunedì 14 novembre 2016

RISOTTO AL VINO ROSSO E MORTANDELA

RISOTTO AL VINO ROSSO E MORTANDELA


Mortandela...eh sì si scrive proprio così. Non è un errore di battitura ma si tratta di un salume tipico della Val di Non in trentino. Assomiglia ad un salame, infatti è prodotto con un pasta macinata di carni di maiale che poi viene avvolta a mano nel reticolo di suino. Viene poi affumicata e il risultato è davvero un salume gustoso che è diventato anche presidio Slow Food. 
Durante l'ultimo viaggio in trentino abbiamo scovato questa chicca in un negozio mentre cercavamo i nostri souvenir mangerecci e non abbiamo esitato a prenderne un pezzo.
E' ottima mangiata come salume puro, ma resistere e non impiegarne un pezzetto in una ricetta è stato davvero impossibile. Così ho unito del riso e una bottiglia di vino rosso aperta da qualche giorno e ho preparato questo risottino caldo e saporito. Avevo intenzione di prepararci anche una bella zuppa di orzo (ricetta tipica con questo salume), ma è finita prima!

per 2 persone

160gr riso
50gr mortandela a cubetti
1 bicchiere di vino rosso
brodo di carne qb
burro
parmigiano grattugiato
pepe

In una padella dai bordi alti tostate il riso. Sfumate con il vino rosso e cominciate la cottura unendo brodo caldo quando necessario. Dopo 5-6 minuti aggiungete la mortandela e portate a cottura. Mantecate il vostro risotto a fuoco spento con una noce di burro e una bella manciata di parmigiano grattugiato. Io non ho aggiunto sale, ma solo una spolverata di pepe, perchè la mortandela è già molto saporita, ma vi consiglio di aggiustarlo a vostro piacimento poco prima di servire.

Dedico questa ricetta al mystery basket che questo mese è ospitato dal blog "In cucina con fischio".
Tra i dieci ingredienti da lui scelti per questo mese ho utilizzato il riso.





giovedì 10 novembre 2016

TORTA DI MANDORLE

TORTA DI MANDORLE


Giovedì niente gnocchi! Questa settimana si va di torta. Una torta alle mandorle del ricettario della mamma. Scritta anni or sono sotto dettatura della bis nonna e mai riprodotta. Beh io "curiosa come George" l'ho provate ed è una vera meraviglia. Ottima come fine pasto se servita con un pochino di panna come in questo caso o per una colazione ricca e genuina.


200gr  di farina
2 uova
200gr di zucchero
150gr mandorle
100ml latte
100gr burro
1 bustina di lievito in polvere
un po' di limone grattugiato



Tritate le mandorle. In una terrina montate le uova con lo zucchero. Aggiungete il latte e il burro fuso. Mescolate ancora e unite la farina, le mandorle tritate finemente e il lievito. Completate con la buccia di limone grattugiata. Infornate in forno preriscaldato a 180° in modalità statica per 35 minuti circa. Fate la prova stecchino prima di sfornarla. Lasciate raffreddare completamente, sformate e servite con una spruzzata di panna montata.

mercoledì 9 novembre 2016

POLPETTE DI RICOTTA CON ZUCCA E FUNGHI

POLPETTE DI RICOTTA CON ZUCCA E FUNGHI


Il piatto di oggi è un tripudio di autunno. Un secondo a base di formaggio, l'ingrediente principale di questa uscita di Idea Menù. Ci ho pensato parecchio e alla fine ho deciso di proporre queste polpettine di ricotta cotte al forno accompagnate con zucca e funghi champignon saltati.
Si prepara piuttosto velocemente ed è davvero sfizioso. E' anche un'idea in più per un bel piatto vegetariano.

per le polpette
250gr ricotta
1 uovo
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
pane grattugiato
sale
pepe

per il contorno
100gr zucca già mondata
100gr champignon
brodo vegetale
sale
pepe

In una terrina mescolate la ricotta con il parmigiano, l'uovo, sale e pepe. Aggiungete poi un pochino di pane grattugiato per ottenere una consistenza lavorabile con le mani. Formate le polpettine e passatele nel pane grattugiato. Disponetele su una teglia e mettete a riposare in frigo per 25 minuti circa. Nel frattempo pulite i funghi e tagliateli a fettine. Tagliate a cubetti la zucca. In una padella antiaderente scaldate un cucchiaio di olio e unite le verdure. Saltate per qualche istante poi bagnate con il brodo vegetale. Abbassate la fiamma e cuocete per 5 minuti circa con il coperchio. Aggiustate di sale e pepe. Accendete il forno a 180°. Infornate le polpettine in modalità statica per 15 minuti. In alternativa potete friggerle. Servite le vostre polpettine con il contorno.

Ecco il resto del menù:
da Carla il dolce: Rotolo di castagne e ricotta



lunedì 7 novembre 2016

BIGOLI CON SUGO DI ARROSTO E ZUCCA

BIGOLI CON SUGO DI ARROSTO E ZUCCA


Questo lunedì niente dolce, vi propongo una ricetta del riciclo. Quante volte capita di preparare pranzi un po' più importanti la domenica e ritrovarsi con qualche avanzo il giorno dopo? Magari è anche giusto giusto una porzione e l'altro lo lasciamo digiuno? Ecco proprio in una di queste occasioni è nato questo piatto. Un qualcosa che nella mia testa sembrava semplice e ideato solo per finire un pezzetto di arrosto rimasto in frigo. In realtà mi sono trovata davanti a complimenti e alla proposta di avanzare apposta l'arrosto la prossima volta per fare la pasta. Sì avete capito proprio bene...Michele non ha assolutamente gradito questa idea riciclo!!
Fa brutto dire che anche la zucca era l'ultimo pezzetto rimasto in frigo e che necessitava alla svelta di una degna fine, ma la realtà è che è finita qui dentro proprio per questo motivo.

per 2 persone
160gr bigoli (i miei erano freschi)
un pezzo di arrosto
100gr zucca mondata a cubetti
qualche mestolo di brodo o un cucchiaino di dado
pepe
sale
olio e.v.o.

In una padella antiaderente scaldate un cucchiaio di olio e unite la zucca a cubetti piuttosto piccoli. Sfumate con il brodo (o dado più acqua) e lasciate cuocere per una decina di minuti con il coperchio.
Nel frattempo tagliate grossolanamente l'arrosto avanzato e tritatelo nel mixer. Unitelo alla zucca e aggiustate di sale e pepe. Cuocete i bigoli in abbondante acqua salata. Scolateli e saltateli per qualche istante con il sugo aggiungendo acqua di cottura della pasta se necessario. Servite unendo una spolverate di parmigiano a piacere.



venerdì 4 novembre 2016

SALICORNIA SALTATA

SALICORNIA SALTATA


Conoscete la salicornia? Beh in realtà è una new entry anche nella mia cucina.
E' più comunemente chiamata asparago di mare e si tratta di una pianta erbacea spontanea che cresce nelle zone litoranee del Mediterraneo. Dal punto di vista nutrizionale è ricca di sali minerali e di vitamine, in particolare dei gruppi C e B. Può essere cucinata in diversi modi ma il più semplice e veloce è farla bollita e poi saltarla in padella appena prima di servirla. Si accompagna molto bene a vari piatti di pesce e crostacei. 

Salicornia
olio e.v.o

Sciacquate la salicornia sotto il getto di acqua fredda. Portate a bollore un pentola di acqua non salata e calate la salicornia. Lasciate cuocere per un paio di minuti e scolate. Pulitela eliminando i rametti centrali più duri. Mettete un filo di olio in una padella antiaderente e fatelo scaldare (a questo punto potete decidere se aromatizzarla in qualche modo magari aglio o come noi peperoncino). Unite gli asparagi di mare e saltateli per qualche istante. Io non ho aggiunto sale perchè al mio palato erano già abbastanza saporiti ma potete regolarli di sale a vostro gusto appena prima di servirli. 

giovedì 3 novembre 2016

LASAGNA CON PESTO, PATATE E FAGIOLINI

LASAGNA CON PESTO, PATATE E FAGIOLINI


Sono un po' in ritardo, lo so! Però se fate presto potreste trovare gli ultimi fagiolini della stagione d'altronde il mio balcone è quasi più rifornito ora che durante l'estate. I pomodori sono in fiore, il peperone è carico di frutti e le pianticelle di fagiolini si sforzano di far maturare gli ultimi mentre i peperoncini...beh loro ne hanno prodotti una quantità industriale e potrei quasi reinventarvi come venditrice di peperoncini!
Tornando a noi... ho raccolto gli ultimissimi fagiolini e non erano sufficienti per un contorno decoroso quindi eccoli come
co-protagonisti di un primo very wow.
Una lasagna ricca di verdure, verde brillante grazie al pesto e super cremosa per la besciamella. Insieme ad un buon vino bianco è un pranzo da veri re!

per 2 persone

4 sfoglie di lasagna fresche
1 dose di besciamella
80-90gr fagiolini
1 patata media
3 cucchiai di pesto
1 mozzarella
parmigiano grattugiato

Partite dalle basi preparando la besciamella e il pesto. Spuntate i fagiolini dopo averli lavati e lessateli insieme alla patata per 30 minuti circa dal bollore. Mescolate la besciamella e il pesto per ottenere una salsa cremosa e verde brillante. Affettate la patata e mettete da parte. Sporcate la base di una teglia a forno con un pochino di salsa al pesto e coprite con la prima sfoglia di lasagna. Continuate ora spalmando altra besciamella al pesto, disponete qualche fagiolino e un paio di fettine di patata e dei cubetti di mozzarella. Spolverate abbondantemente con il parmigiano e coprite con un altro strato di pasta. Procedete così fino ad esaurire gli ingredienti. Infornate in forno preriscaldato in modalità statica a 180°C per 20-25 minuti. Sfornate e servite.
Come dicevo prima noi abbiamo accompagnato questa lasagna con un buon vino bianco, il Malvasia secco Daphne della cantina Medici Ermete.


mercoledì 2 novembre 2016

CHEESECAKE ALLA ZUCCA

CHEESECAKE ALLA ZUCCA


Halloween è passato, ma non si dice mai di no ad un buon dolce. Ormai da mesi mi frullava in testa questa cheesecake, ma per un motivo o per un'altro non l'ho mai preparata. Domenica ho aperto una nuova zucca e quindi ecco finalmente la cheesecake!
Ha un gusto davvero sorprendente, dolce e con le decorazioni in cioccolato è davvero il top, quel tocco in più che la rende magica. Ovviamente potete optare per dei semplici ghirigori, ma non tralasciate questa parte perchè completa al meglio la torta sia come aspetto che come gusto.

per una tortiera tonda da 20cm

per la base
100gr biscotti secchi
100gr amaretti
80gr burro

per la farcia
100gr zucchero
1 uovo
250gr mascarpone
100ml latte
125gr polpa di zucca
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaino di cannella

per decorare
cioccolato fondente fuso

Tritate i biscotti e gli amaretti finemente. Sciogliete il burro e aggiungetelo ai biscotti. Amalgamate il tutto e versatelo in una tortiera da 20cm foderata con carta forno. Pressate il composto di biscotti per formare la base e dei bordi di 4-5cm. Mettete la base in frigo a riposare per almeno 30 minuti. Tagliate la zucca a pezzetti e cuocetela a vapore (circa 10 minuti) o a microonde (4-5 minuti). Frullate lo zucchero con la polpa di zucca tiepida. In una terrina mescolate il mascarpone con l'uovo e la zucca frullata. Aggiungete poi la cannella, il limone e infine il latte. Mescolate delicatamente fino ad ottenere una crema omogenea. Tirate fuori dal frigo la base e versate nella tortiera la crema. Infornate in forno statico preriscaldato a 180°C per 1 ora circa. Sfornate e lasciate intiepidire prima di trasferirla in frigo per almeno 1 oretta. Sformate la cheesecake e disponetela in un piatto da portata. Fate fondere a bagnomaria il cioccolato fondente e con l'aiuto di una siringa per dolci fate i vostri decori sulla torta. Noi abbiamo optato per una ragnatela e una specie di ragnetto!
Aspettate che il cioccolato si indurisca e servite la vostra cheesecake.

AdSense

Ti potrebbero interessare anche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...