lunedì 31 ottobre 2016

IL PANINO DI HALLOWEEN

IL PANINO DI HALLOWEEN


Vi avevo detto niente ricette di Halloween per quest'anno...
Alla fine non ho resistito e la mia parte di Linda Foodblogger non poteva lasciare così in sospeso un'occasione così propensa a sperimentare cose nuove. Questa volta non ho pensato ai bambini. Questo è per noi grandi che di travestimenti e dolcetti non ci interessiamo troppo, ma per fare festa tutti insieme ogni occasione è buona.  E' un panino adatto a stomaci forti e temprati, ma una volta tanto se lo può concedere anche chi è attento alla linea perchè è una vera bomba di bontà. 
Un soffice panino al carbone vegetale (che negli ultimi tempi si vede un po' ovunque!), cubetti di zucca, salsiccia grigliata, bacon e maionese. Un panino mostruosamente degno di Halloween, ma perfetto anche per una serata un po' diversa in altri periodi dell'anno.
Cosa aspettate? Mettete le mani in pasta e preparatevi a gustare questa meraviglia!

per 6 panini al carbone vegetale

500gr farina tipo 1
10gr carbone vegetale in polvere
250ml latte tiepido
13gr lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaio di zucchero
50gr olio e.v.o
1 cucchiaino di sale
semi di sesamo

per la zucca
300gr zucca fresca
brodo qb
sale
pepe

per farcire
6 salsicce
12 fettine di bacon
maionese

In una terrina capiente mescolate la farina con il carbone vegetale in polvere. Sciogliete il lievito nel latte tiepido insieme al miele e allo zucchero. Versatela pian piano nella farina e iniziate a mescolare. Unite poi l'olio e infine il sale. Lavorate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Coprite la terrina con la pellicola e mettete a lievitare in forno spento con la lucina accesa fino al raddoppio. Occorreranno circa 2 ore. Riprendete l'impasto e dividetelo in 6 palline più o meno uguali. Rotolatele sul piano di lavoro in modo da renderle lisce e disponetele sulla placca rivestita di carta forno. Riponete sempre nel forno spento e lasciate riposare fino al raddoppio (io 1 oretta circa). Spennellate con del latte e cospargete con i semi di sesamo. Infornate in forno statico preriscaldato a 200° C per 10 minuti. Abbassate ora a 180°C e cuocete per altri 5 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire. 
Tagliate la zucca a cubetti di 1cm circa. Scaldate un filo di olio in una padella antiaderente e unite la zucca. Rosolatela per qualche istante poi sfumate con il brodo e coprite con il coperchio. Cuocete a fiamma bassa per una decina di minuti o fino a che risulta morbida ma non troppo. Aggiustate di sale e pepe e mettete da parte. Tagliate a metà in verticale le salsicce, privatele del budello e cuocetele su una bistecchiera rovente. Cuocete anche il bacon nello stesso modo. Componete il panino. Tagliate a metà il panino e tostatelo qualche istante sulla bistecchiera. Spalmate la parte inferiore con un velo di maionese, aggiungete la salsiccia, poi la zucca a cubetti e infine coprite con le fettine di bacon prima di chiudere con la parte superiore del panino. Servite i vostri panini di Halloween con un buona birra fresca. 


domenica 30 ottobre 2016

TORTA ALLA ZUCCA

TORTA ALLA ZUCCA


Continuiamo sulla scia delle portate a base di zucca e oggi vi propongo una torta soffice e gustosa che si può trasformare facilmente in un dolce di Halloween grazie a decorazioni a tema. L'ingrediente principale è la zucca che dona un colore giallo/arancione acceso perfetto per rendere meno buie le giornate di pioggia. Noi l'abbiamo utilizzata principalmente come dolce da colazione o in accompagnamento al the del pomeriggio.

per uno stampo da 20cm

250gr polpa di zucca
2 uova
150gr zucchero semolato
50ml olio di semi di girasole
200gr farina tipo 1
1 bustina di lievito vanigliato
1 cucchiaio di miele di acacia
zucchero a velo

Tagliate la zucca a pezzi non troppo grandi e cuocetela a vapore per 10 minuti circa. Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Frullate ora la zucca con il miele e l'olio (verrà fuori una crema dall'aspetto simile alla maionese, ma è normale!). Unite la crema di zucca intiepidita alle uova montate e continuate a mescolate. Aggiungete ora la farina setacciata insieme al lievito e montate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Versatelo all'interno di uno stampo rivestito con carta forno e cuocete in forno preriscaldato in modalità statica per 40 minuti a 180°C.  Sfornate e lasciate raffreddare prima di sformarla. Spolveratela con abbondante zucchero a velo e servite.





sabato 29 ottobre 2016

BIGOLI CON CREMA DI ZUCCA E SPECK

BIGOLI CON CREMA DI ZUCCA E SPECK


Ormai Halloween è alle porte, ma quest'anno mi è passato accanto senza sfiorarmi. Ebbene sì l'anno scorso avevo dedicata un'intera settimana a questo argomento, ma quest'anno a tema credo che non arriverà nulla. Questo però è anche il periodo della zucca ed è questo l'ingrediente principe di oggi. 
Nelle ultime due settimane vi ho proposto un antipasto e un secondo abbinato al vino rosato secco I Quercioli della cantina Medici Ermete, oggi vi propongo il primo che ha completato il menù. 
I bigoli sono una pasta tipica del veneto, tradizionalmente preparata con farina di grano tenero, sale e acqua. Si prestano molto ad essere conditi con sughi corposi con i classici bigoli con l'anatra o i bigoli in salsa, cioè arricchiti con le sarde. In questo caso io ho optato per una crema densa e avvolgente di zucca accompagnata da piccoli cubetti di saporito e croccante speck. 

per 2 persone

160gr bigoli
70gr zucca
70gr speck a cubetti
sale
noce moscata
brodo di carne qb
olio e.v.o

Tagliate a pezzetti la zucca già pulita. Scaldate una padella e unite la zucca. Bagnate con un mestolino di brodo e fate cuocere con il coperchio a fiamma moderata. Quando la zucca è morbida e ben cotta trasferitela nel bicchiere apposito e frullatela per ottenere una crema. Nella stessa padella in cui avete cotto la zucca mette un filo di olio e saltate lo speck per renderlo croccante. 
Cuocete in abbondante acqua salata i bigoli per il tempo indicato sulla confezione che varia a seconda che siano freschi o secchi. 
Mettete da parte lo speck e versate la crema di zucca nella padella, aggiustate di sale e di noce moscata. Scolate la pasta e unitela alla crema di zucca aggiungendo anche un mestolino di brodo o di acqua di cottura se necessario. Saltate la pasta con la crema in modo che si condisca per bene. 
Per ultimi aggiungete i cubetti di speck. Servite subito.


MYSTEY BASKET DI OTTOBRE...IL VINCITORE!

MYSTEY BASKET DI OTTOBRE...IL VINCITORE!


Buon pomeriggio! Anche questo mese il contest del Mystery basket è finito ed è giunta l'ora di scoprire insieme il vincitore. Come ben sapete questo mese la padrona di casa era Leti del blog Senza è buono e gli ingredienti erano davvero interessanti. Hanno partecipato addirittura 23 ricette e la scelta è stata molto ardua. Alla fine abbiamo scremato man mano in base al n° di ingredienti, all'originalità e infine alla presentazione. Alla fine delle varie considerazioni la rosa si era ristretta a 3 ricette...
Ho dunque il piacere di annunciare che il vincitore di questo mese è Fulvio del blog In cucina con fischio che ha partecipato con il budino di zucca e crema di r...dicchio.
Vi do appuntamento quindi a martedì sul suo blog per scoprire i nuovi ingredienti.


giovedì 27 ottobre 2016

TORTA DI COMPLEANNO CON CREMA AL KIRSCH

TORTA DI COMPLEANNO CON CREMA AL KIRSCH


E' arrivato un nuovo appuntamento con Idea Menù, anche se con un giorno di ritardo le nostre proposte sono davvero speciali questa volta. I compleanno sono spesso occasioni in cui non si sa cosa preparare...eccoci dunque in vostro soccorso con il nostro menù di compleanno!
Io ho preparato il dolce. Per un'occasione speciale ci vuole un dolce bello, goloso e molto appetitoso. 
Avevo pensato di preparare la classica foresta nera, ma togli qui...modifica lì...metti di là e alla fine è una torta che della foresta nera ricorda solo un po' l'aspetto. La base è un morbido pan di spagna senza uova al cacao, la farcia una bellissima crema al kirsch e la copertura della golosissima panna montata con le ciliegie candite per rendere ancora più invitante il tutto.
Credo che la torta sia adatta anche a chi non ama il liquore poichè mettendolo in cottura nella crema l'alcool sparisce quasi completamente.

per uno stampo da 20cm

per la base
200gr farina 00
100gr cacao amaro
1 bustina di lievito per dolci
200gr zucchero semolato
100ml olio di semi
250gr acqua
1 bicchiere di latte

per la crema al kirsch
100ml kirsch
150ml latte
65gr zucchero semolato
40gr farina

per completare
500ml panna da montare
ciliegie candite
scagliette di cioccolato



Iniziate preparando il pan di spagna. In una terrina mettete lo zucchero con olio e acqua. Sbattete con una frusta in modo da sciogliere lo zucchero. Setacciate la farina con il cacao e il lievito e iniziate ad aggiungerla gradatamente ai liquidi in modo che non si formino grumi. Una volta incorporata tutta la farina aggiungete gradatamente il latte solo nel caso in cui l'impasto fosse troppo denso. Io ne ho unito circa un bicchiere. Foderate di carta forno uno stampo a cerniera e versate all'interno l'impasto. Cuocete a 180° per 40 minuti circa. Fate la prova stecchino prima di sfornare. Lasciate raffreddare completamente e nel frattempo preparate la crema al kirsch. In un pentolino mescolate zucchero e farina. Aggiungete gradatamente il latte mescolando in modo che non si formino grumi e infine unite anche il liquore. Mettete il pentolino sul fuoco con fiamma bassa e mescolate con un cucchiaio di legno fino a che la crema non si addensa. Trasferitela in un piatto e copritela con la pellicola a contatto e fatela raffreddare completamente. Sformate il pan di spagna senza uova e tagliatelo a metà in orizzontale. Disponete il primo disco su un piatto da portata e mettete da parte l'altro. Montate la panna, prelevatene circa 1/3 e unitela alla crema mescolando dal basso verso l'alto. Farcite il disco che avete poggiato sul piatto da portata con la crema che sarà di un bel rosa brillante. Coprite con il secondo disco e livellate i bordi. Trasferite la restante panna montata in una sac à poche con beccuccio a stella e iniziate a decorare i bordi della torta. Completate facendo delle piccole spuntine di panna anche in cima alla torta. Decorate la vostra torta di compleanno con le ciliegie candite sulla cima e ricoprite i bordi con le scagliette di cioccolato. Mettete a riposare in frigo un paio di ore prima di servire.
Per un compleanno che si rispetti non può mancare il brindisi. Noi abbiamo dunque abbinato questa torta allo spumante brut Quintessenza della cantina Medici Ermete.



venerdì 21 ottobre 2016

CORONA DI BRIOCHE MEDITERRANEA

CORONA DI BRIOCHE MEDITERRANEA


Anche il venerdì è arrivato e dunque è giunto il momento di prepararsi per il fine settimana. Questa volta niente pizza, ma una deliziosa corona di brioche ripiena di melanzane, pomodorini e scamorza affumicata...un vero capolavoro!!
Ormai le melanzane sono alla fine della loro stagione, ma finchè l'orto ce ne regala qualcuna noi le utilizziamo con grande piacere.

per 4 persone

250gr farina tipo 1
110ml latte tiepido
1 tuorlo
20gr burro
6-7 gr lievito di birra
5gr sale

per la farcitura

1 melanzana
una manciata di pomodorini
scamorza affumicata
1 peperoncino
olive verdi
olio e.v.o.
sale

Preparate l'impasto mettendo in una ciotola 200gr di farina, fate un buco al centro e versate il latte in cui avrete sciolto il lievito. Iniziate ad amalgamare poi unite il tuorlo, il sale e il burro a temperatura ambiente. Continuate a lavorare l'impasto e infine aggiungete i restanti 50gr di farina. Continuate a lavorare fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Formate una palla, coprite e lasciate lievitare per 2 ore nel forno spento con la luce accesa. Nel frattempo mondate la melanzana e tagliatela a pezzetti. Scaldate un filo di olio in una padella, tritate il peperoncino e aggiungetelo in modo che insaporisca l'olio ma fate attenzione che non bruci. Unite anche la melanzana e cuocete per qualche minuto unendo qualche cucchiaio di acqua se necessario. Lavate i pomodorini, tagliateli in quarti e uniteli alla padella. Cuocete ancora per qualche minuto. Spegnete e lasciate raffreddare. Prendete l'impasto e stendetelo con l'aiuto di un po' di farina fino ad ottenere un disco.  Fate dei tagli al centro "ad asterisco" per formare tante punte. Disponete il ripieno in modo circolare  mantenendo un bordo libero di circa 1cm all'esterno e all'interno. Aggiungete anche dei cubetti di scamorza qua e là sul ripieno. Chiudete ora la brioche fissando una delle punte centrali con il bordo esterno. Completate con 1/2 oliva sul punto di chiusura e continuate così per tutte le punte restanti. Infornate a 200° per 30 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire prima di servire. 


mercoledì 19 ottobre 2016

ARROSTO DI TACCHINO AI FUNGHI

ARROSTO DI TACCHINO AI FUNGHI


La mia settimana stavolta inizia in ritardo e purtroppo non a causa di una vacanza, ma per via di un bel virus che mi ha tenuta KO per 3 giorni. Oggi finalmente sono in forma e si riparte con la vita di tutti i giorni. La scorsa settimana vi ho proposto l'antipasto del menù che ho creato in abbinamento al vino rosato secco "I Quercioli" della cantina Medici Ermete. Oggi passiamo ad un secondo dai sapori autunnali e avvolgenti. Un piatto che fa domenica, ma perfetto anche per una cena durante la settimana dato che si può preparare con qualche ora di anticipo. Per accelerare i tempi ho comprato un arrosto di tacchino già legato, ma nulla vieta di partire dal petto e legarlo voi.

1 arrosto di tacchino
1 cucchiaio di olio
trito di salvia e rosmarino
sale fino
pepe
1/2 bicchiere di vino
(io ho usato il rosato)
brodo di carne qb
170gr funghi champignon a fette

Massaggiate la carne con il trito di erbe, sale e pepe. In una pentola scaldate l'olio e rosolate su tutti i lati l'arrosto a fuoco vivo. Sfumate e unite un paio di mestoli di brodo caldo e unite i funghi. Abbassate la fiamma e coprite con un coperchio. Cuocete per 1 oretta circa rigirando l'arrosto ogni 15 minuti circa. Scoperchiate e fate tirare il fondo di cottura a fuoco vivace. Mettete da parte qualche fungo intero per la guarnizione e frullate gli altri con il fondo di cottura per ottenere una salsa. Tagliate a fettine l'arrosto e servitelo con la salsa di funghi guarnendo con i funghi tenuti da parte interi. 

venerdì 14 ottobre 2016

LINGUINE CON RAGU' VEGETARIANO

LINGUINE CON RAGU' VEGETARIANO


Una foodblogger professionale è sempre in linea con i trend del momento...Quella foodblogger non pubblicherebbe tre primi in una settimana di cui due in stile gnocchi...Lei avrebbe uno scrupoloso piano di pubblicazione rispettoso delle stagioni con previsioni degne di Nostradamus...Sempre lei avrebbe fatto un sacco di piatti con verdure durante l'estate e ora avrebbe già iniziato con zucca e zuppe...Quella ragazza pubblicherebbe ogni giorno sui social...Lei non si farebbe cogliere impreparata dal cambio di stagione...
Beh io sono una foodblogger un po' così, d'altro canto il mondo è bello perchè è vario!
Io vi propongo il terzo primo di fila in una settimana perchè in effetti la pasta è una cosa di cui non so fare a meno. Io oltre a scrivere su pc mi sono costruita il recinto per l'orto in montagna, ho sollevato sacchi di cemento per piantare i paletti, armata di zappino e sfidando freddo e pioggia sono andata in quel campo a piantare le verdure, ho sfidato i 40° all'ombra dell'estate per togliere le erbacce, ho sopperito alla mancanza d'acqua conservando la sciacquatura delle verdure in cucina e portandola con l'innaffiatoio fino al campo, ho raccolto i primi fagiolini a fine settembre, le carote a inizio ottobre e le zucche forse mai! Io se non sono in cucina cucio, scucio, taglio e modifico. Io mi sforzo di creare un calendario delle pubblicazioni, ma puntualmente cambio e modifico in continuazione anche quello. Io oggi vi proporrò un ragù, che somiglia molto a quello tradizionale nell'aspetto, ma che non ha visto la carne nemmeno in cartolina.
Questa sono io, una foodblogger alternativa che cerca di trasmettere passione a modo suo!

1 carota
1 zucchina
2 fette di melanzana
1/2 peperone
3 pomodori secchi
20 pomodorini
1 peperoncino
sale
olio e.v.o.
vino bianco
160gr pasta (noi linguine)

Mondate le verdure (tenendo a parte i pomodorini) e tagliatele a pezzetti grossolani. Raccogliete tutto in un mixer con i pomodori secchi e tritate a scatti fino ad ottenere un trito omogeneo ma non troppo fine. Scaldate un filo di olio in una capiente padella antiaderente, unite le verdure e il peperoncino anch'esso tritato. Rosolate per qualche istante e sfumate con il vino bianco. A parte frullate i pomodorini per ottenere una sorta di passata e unitela nella padella. Cuocete a fuoco molto dolce per mezz'oretta unendo acqua o brodo se necessario. Aggiustate di sale e tenete da parte. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata per un paio di minuti in meno rispetto a quanto scritto sulla confezione. Scolatela tenendo da parte dell'acqua di cottura e saltatela nel sugo unendo un po' di acqua tenuta da parte se necessario. Servite subito con l'aggiunta di una spolverata di parmigiano a piacere.





giovedì 13 ottobre 2016

GNOCCHI ALLA ROMANA

GNOCCHI ALLA ROMANA


Giovedì gnocchi! Eh sì, ma oggi andiamo di gnocchi alla romana.
Deliziosi e facili da fare, ma chissà perchè non li avevo mai fatti in casa. Poi è arrivata una richiesta speciale, di Chiaretta naturalmente, che li aveva mangiati in vacanza e avrebbe tanto voluto prepararli anche lei a casa. Pentolone, semolino e santa pazienza e via di gnocchi!
Ne abbiamo preparate due belle teglie che appena arrivate in tavola sono state spazzolate. 
Li abbiamo conditi con il classico burro e formaggio per il primo assaggio casalingo, ma prevedo che ne arriveranno altre varianti prossimamente.

per 4 persone

250gr semolino
1l di latte
100gr burro
2 tuorli
100gr parmigiano reggiano
40gr pecorino
5-7gr sale fino
noce moscata

In tegame capiente dai bordi alti versate il latte. Mettetelo sul fuoco, unite una noce di burro, il sale e la noce moscata a piacere. Portate ad ebollizione. Non appena avrà raggiunto il bollore versate il semolino a pioggia mescolando energicamente con la frusta per evitare che si formino grumi (qui è intervenuto l'omino di casa ovviamente!). Cuocete ora il composto per alcuni minuti a fuoco basso, fino a che non si addenserà. Togliete dal fuoco e unite i due tuorli. Incorporateli mescolando con un cucchiaio di legno. Unite ora anche il parmigiano grattugiato e mescolate nuovamente. Versate il composto su due fogli di carta forno, modellateli con la carta e l'aiuto delle mani per ottenere due salsicciotti (attenzione alle dita, brucia!! per non scottarvi passate le mani sotto l'acqua fredda prima di effettuare questo passaggio). Arrotolate la carta forno intorno ai salsicciotti e metteteli in frigo a raddensare per mezz'oretta. Riprendete i salsicciotti e tagliate delle fettine con un coltello affilato. Per ottenere delle belle fette regolari passate la lama sotto l'acqua prima di tagliare. Disponete gli gnocchi leggermente sovrapposti in una teglia imburrata. Cospargeteli con il burro fuso tiepido e completate con il pecorino. Cuocete in forno statico già caldo a 200° per 20-25 minuti. Completate poi la cottura per altri 4-5 minuti in modalità grill (mi raccomando controllateli a vista, li vogliamo gratinati non inceneriti!). Sfornate e servite i vostri gnocchi alla romana caldi.

Se dovessero avanzare si conservano coperti con pellicola in frigo per un paio di giorni.

mercoledì 12 ottobre 2016

ERBAZZONE DI ZUCCA

ERBAZZONE DI ZUCCA


Buongiorno e ben tornati nella mia cucina! L'autunno come ben sapete è il tempo perfetto per gustare la zucca. Oltre al solito risotto esistono davvero moltissimi modi per prepararla e renderla appetitosa. 
Una pasticceria del centro di Reggio  Emilia ha tra i suoi cavalli di battaglia l'erbazzone alla zucca e ogni volta che ci capitiamo per merenda Michele ne prende un bel pezzettone. La scorsa settimana girando per il mercato ho trovato una bellissima zucca delica e così ho deciso di provare a farlo anche in casa. Dovete sapere che io amo i sapori forti in abbinamento alla zucca quindi ho reso il tutto più sprint con della pancetta (ingrediente del tradizionale erbazzone di erbette). 
Per chi mi segue su instagram saprà poi che la scorsa settimana sono andata a fare una visita al wine shop della cantina Medici Ermete per l'inizio di una nuova collaborazione e così ho pensato di provare un vino spesso trascurato, il rosato, a tutto pasto. Iniziamo quindi questo pranzo virtuale dall'antipasto, anche se questo erbazzone tagliato a pezzettoni è perfetto anche come secondo/piatto unico.

per la pasta
350gr farina (io farro)
4 cucchiai di olio e.v.o.
sale
pepe
acqua tiepida q.b.

per la farcia
500gr zucca
100gr pancetta affumicata
150gr parmigiano reggiano
sale
pepe
noce moscata
brodo vegetale o di carne

Tagliate la zucca a cubetti non troppo grandi. In una padella antiaderente rosolate la pancetta a cubetti. Unite poi la zucca e qualche mestolo di brodo caldo. Coprite con il coperchio e portate a cottura unendo altro brodo se necessario. Spegnete e trasferite il tutto in un mixer e frullate per ottenere una crema. Versate la crema in una terrina e unite il parmigiano. Mescolate finchè non si scioglie e aggiustate di sale, pepe e noce moscata. Lasciate raffreddare completamente il ripieno. Nel frattempo preparate la pasta. Mescolate la farina con il sale, il pepe e l'olio. Aggiungete pian piano l'acqua, io ne ho usata meno di un bicchiere, fino ad ottenere un impasto sostenuto. Coprite con pellicola e lasciate riposare per 30 minuti. Dividete l'impasto in due parti. Stendete in forma rettangolare la prima metà di pasta ottenendo una sfoglia sottile. Adagiatela sulla placca coperta di carta forno e distribuite sopra la farcia in modo uniforme. Coprite con l'altra sfoglia, ripiegate su se stessi i bordi in modo da sigillare il tutto e punzecchiate la superficie con i rebbi di una forchetta. Infornate in forno preriscaldato a 200° per 30 minuti. Dopo una ventina di minuti spennellate la superficie dell'erbazzone di zucca con dell'olio e ultimate la cottura. 

Noi abbiamo servito questo erbazzone tagliato a piccoli quadretti come aperitivo accompagnato dal vino rosato secco I Quercioli della cantina Medici Ermete. A mio avviso questo vino si presta benissimo ad essere usato a tutto pasto, come infatti vi mostrerò. E' delicato e da il meglio di sè servito fresco. 




lunedì 10 ottobre 2016

CANEDERLI ALLA ROSA CAMUNA

CANEDERLI ALLA ROSA CAMUNA


Buongiorno e ben tornati nella mia cucina! Questa settimana vi darò qualche ricetta per riciclare gli avanzi del giorno prima e creare dei piatti nuovi di zecca e super gustosi. Oggi iniziamo con il pane raffermo. Io abitualmente grattugio quello che avanza, ma quando il barattolino è pieno servono nuove idee per non buttare ciò che si può recuperare. Qualche anno fa vi avevo proposto la torta di pane, oggi invece andiamo di canederli! Io amo il trentino e durante il mio viaggio in val camonica ho scoperto un formaggio davvero speciale, la rosa camuna. Casualmente l'ho trovato al supermercato e così ho deciso di unire questi due territori in un unico piatto. Sono nati così i miei canederli alla rosa camuna. Possono essere considerati un piatto vegetariano, sostanzioso di sicuro e anche saporito. Insomma adatto ad una giornata freddina in attesa dell'ordinanza di accensione dei riscaldamenti da parte del sindaco. 

200gr pane raffermo
200ml latte tiepido
90gr rosa camuna a dadini piccoli
sale
pepe

per la fonduta
150gr rosa camuna
150ml latte

Tagliate a dadini il pane raffermo. Raccoglietelo in una ciotola e versateci sopra il latte tiepido. Mescolate e lasciate riposare per 30 minuti circa. Lavorate ora il pane con le mani, aggiustate di sale e pepe. Dovrete ottenere una pappetta compatta ma lavorabile. Unite anche il formaggio a dadini e impastate nuovamente il tutto. Formate delle palline non troppo grandi e disponetele su un vassoio. Mettetele in frigo per un paio d'ore a riposare. Fate bollire una pentola capiente con acqua salata, calate i canederli e cuocete per 10 minuti circa. Nel frattempo preparate la fonduta. In una terrina adatta al microonde mettete il latte e il formaggio a pezzetti piccoli. Cuocete a microonde per 1 minuto a massima potenza. Prelevate la terrina e mescolate con cura fino a sciogliere il formaggio. Versate il tutto nel bicchiere del frullatore e lavoratelo con il frullatore ad immersione per qualche secondo in modo da ottenere una fonduta omogenea e areata. Questo passaggio renderà più gonfia e cremosa la vostra salsa. Scolate i canederli e serviteli con la vellutata a specchio sul piatto. A piacere aggiungete una spolverata di noce moscata alla fonduta prima di servire.


mercoledì 5 ottobre 2016

CROSTATA FURBISSIMA CON FUNGHI E SALSICCIA

CROSTATA FURBISSIMA CON FUNGHI E SALSICCIA


Buongiorno e ben tornati nella mia cucina! E' iniziato ottobre e con esso inizia a sentirsi il profumo di autunno. Per me autunno significa colori stupefacenti fuori dalla finestra e un albero stupendo visto dal terrazzo della camera, ma anche portare nella mia cucina funghi, zucche, castagne e uva. Oggi per il nuovo appuntamento con Idea Menù, a tema autunno appunto, ho pensato di proporvi un antipasto a base di funghi. Si tratta di champignon perchè per quest'anno il nostro raccolto da fungaioli è stato inesistente, quindi troverete galletti e porcini su questi schermi sono se una delle nostre spedizioni in montagna porta buoni frutti anche perchè con tante montagne italiane mi rifiuto di comprare quelli provenienti dalla polonia che trovo freschi al supermercato. Avevate visto il primo esperimento di crostata furbissima su instagram ed era stata preparata con le zucchine dell'orto. Questa volta come antipasto vi propongo una crostata furbissima dai sapori autunnali, farcita con funghi e salsiccia.
La base della crostata furbissima l'ho vista sul blog di Stefania, la mitica Arabafelice, la regina delle ricette furbissime. Ho personalizzato la farcia e il gioco è fatto! Occorrono pochissimi ingredienti e poco tempo per portare a tavola una sfiziosa torta salata tutta home made!

per uno stampo da 28cm

250gr farina
100ml acqua bollente
100ml olio di semi
un cucchiaino di sale
un cucchiaino di lievito per torte salate

per farcire
funghi champignon
salsiccia
taleggio

In una terrina mettete la farina e mescolate con il sale e il lievito. Unite poi l'olio e l'acqua bollente e mescolate con una forchetta fino a che tutti i liquidi si saranno assorbiti. Procedete ora con le mani per compattare bene il tutto. Stendete la pasta su un foglio di carta forno e adagiatela nello stampo. Sgranate la salsiccia e cuocetela per qualche minuto in una padella antiaderente in modo che perda un po' di grasso. Mondate i funghi e tagliateli a fettine. Metteteli nella stessa padella di prima dopo aver messo da parte la salsiccia e cuocete per qualche minuto anche questi. Pulite il formaggio e tagliatelo a pezzetti piccoli. Farcite la vostra crostata con salsiccia, funghi e completate con i cubetti di formaggio. Cuocete in forno preriscaldato a 200° per 45 minuti. Sfornate e lasciate intiepidire prima di servire.

Ecco il resto del menù:
qui da me l'antipasto
da Carla il primo:  penne con broccoli e conza
da Consuelo il secondo:  Burger di miglio e zucca



martedì 4 ottobre 2016

FOCACCIA AL FARRO CON POMODORINI

FOCACCIA AL FARRO CON POMODORINI


Buon pomeriggio e ben tornati nella mia cucina! La scorsa settimana ho visto un focaccia sofficiosa da Silvia e non vedevo l'ora di provarla.  Così ho preso ispirazione dalla sua, mi sono organizzata per tempo (dato che necessita di una notte di riposo in frigo) e domenica sera ci siamo gustati questa delizia.
E' una focaccia ad alta idratazione che io ho preparato usando la farina di farro di un'azienda agricola nei pressi della nostra casa in montagna. Il tutto è stato completato con i pomodorini dell'orto.

per il prefermento
3gr lievito di birra
100gr farina di farro
100ml acqua tiepida

per l'impasto
prefermento
300gr farina di farro
245ml acqua
15gr olio
7gr sale

Preparate il prefermento sciogliendo il lievito nell'acqua. In una terrina mettete la farina, unite l'acqua con il lievito e mescolate il tutto. Otterrete una pappetta semi liquida. Coprite con la pellicola e mettete in frigo per tutta la notte. Trascorse le 12 ore circa riprendete l'impasto. Mettete nella planetaria la farina con l'acqua, il prefermento e l'olio. Iniziate ad impastare a bassa velocità. Unite poi il sale e continuate a lavorare l'impasto. Trasferite l'impasto in una ciotola unta e lasciate riposare 1 ora nel forno con la lucina accesa. Riprendete l'impasto e fate delle pieghe nella ciotola. Coprite e fate riposare come prima per un'altra ora. Continuate così per altre 3-4 volte fino a che il vostro impasto sarà bello attivo e gonfio. A questo punto trasferite l'impasto in una teglia e allargatelo con delicatezza. Lasciate riposare ancora 30-40 minuti. Spennellate ora la focaccia con dell'olio, disponete sopra i pomodorini tagliati a metà e qualche granello di sale grosso. Infornate a 220° per 30 minuti.



lunedì 3 ottobre 2016

POLPETTE DI FAGIOLI

POLPETTE DI FAGIOLI


Buongiorno e ben tornati nella mia cucina! Televisione, giornali, riviste, radio, libri...spesso e volentieri ci sentiamo ripetere da esperti o meno esperti che i legumi devo essere una parte fondamentale del piano alimentare settimanale, ma non sempre sono invitanti anche per i bambini. Credo che la forma più conosciuta e appetitosa per far mangiare i bambini sono le polpette. Polpette di carne, di verdure e perchè no di legumi! Questa volta le vaschette che Michele ha portato a casa con la classica formula "tanto Linda qualcosa ce lo prepara" prevedevano una porzione di fagioli borlotti e una di fagioli bianchi. Mescolando un po' di spezie e un tocco di fantasia sono uscite queste polpettine deliziose, sane e apprezzate da tutti! Non contengono uova, grassi e soprattutto sono cotte al forno, quindi niente frittura! La ricetta parte da fagioli già cotti quindi può essere un ottimo spunto per riciclare questo legume con gusto e leggerezza.

200gr fagioli già cotti
(io 100gr borlotti e 100gr fagioli bianchi)
1 cucchiaino di paprika dolce
1 rametto di rosmarino
una manciata di parmigiano
sale
pane grattugiato qb

Nel mixer versate i fagioli scolati del liquido di cottura, la paprika, gli aghi di rosmarino lavati e asciugati e il parmigiano. Frullate il tutto per ottenere un composto denso tipo crema. Aggiustate di sale e se necessario unite del pane grattugiato per avere la consistenza soda e modellabile che serve per preparare le polpette. Preriscaldate il forno a 200° e nel frattempo preparate le polpette. Formate delle palline, rotolatele nel pane grattugiato e disponetele su una teglia rivestita di carta forno. Cuocete per 10-15 minuti in modalità statica. Sfornate e servite con un contorno di verdura a piacere.

Colgo l'occasione di questa ricetta pensata con gli ingredienti del mystery basket di questo mese per avvertirvi che ad ottobre sarà ospitato da Letizia del blog Senza è buono. Correte da lei per scoprire i nuovo 10 ingredienti del cestino! 






AdSense

Ti potrebbero interessare anche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...