venerdì 31 gennaio 2014

GNOCCHI DI SEGALE CON FONDUTA DI TALEGGIO

GNOCCHI DI SEGALE CON FONDUTA DI TALEGGIO


Buongiorno! Come forse vi ho già detto io adoro gli gnocchi e quando ho un po' di tempo libero li preparo in anticipo e li congelo cosicchè quando ho i minuti contati come in questi giorni bastano pochi istanti per preparare un pranzo goloso. In questo caso ho deciso di prepararli con farina di segale e patate lesse ovviamente per non stravolgere del tutto il principio del piatto.
L'idea del condimento è venuta da se, come se lo chiamasse!

1 patata lessa
100gr farina di segale Molino Chiavazza
80gr farina bianca 
1 uovo
sale
pepe
noce moscata

per la fonduta
100gr taleggio
1 bicchiere scarso di latte

Preparare gli gnocchi: passare allo schiacciapatate la patata lessa, unite la farina di segale, la farina bianca e l'uovo. Aggiustare di sale, pepe e noce moscata e continuare ad impastare fino ad ottenere la giusta consistenza, aggiungendo altra farina se necessario.
Creare le biscioline con la pasta e tagliare gli gnocchi non troppo grandi. Tagliare il taleggio a dadini piccoli. Scaldare in un pentolino il latte, unire poi i cubetti di formaggio, abbassare la fiamma e sciogliere mescolando sempre. Tuffare gli gnocchi in acqua bollente. Cuocere per qualche minuto dopo che sono saliti a galla, scolare e condire fuori dal fuoco con la fonduta.




giovedì 30 gennaio 2014

CARBONARA DI CARCIOFI

CARBONARA DI CARCIOFI


Buongiorno! Qualche giorno fa ho avuto la conferma che il primo esame è andato bene e per fortuna!  La voglia di ripeterlo a febbraio era proprio inesistente! Ora sto studiando come una pazza per l'esame di storia di lunedì e per quanto adori questa materia i libri da preparare erano parecchi e i ritmi che sto tenendo sono devastanti. Tutto ciò per dirvi che il tempo che posso trascorrere in cucina è davvero meno di pochissimo e perciò oggi attingo dal mio amato archivio per proporvi un piatto goloso e confortante, che mi tirerebbe su il morale in questo periodo.
La ricetta in questione è una rivisitazione della carbonara con i carciofi. L'idea l'ho vista ripetuta molteplici volte in molti programmi televisivi quindi non vi darò nessuna fonte precisa perchè non c'è!

2 carciofi 
80gr pancetta affumicata
200gr spaghetti
3 uova
parmigiano grattugiato
sale
pepe
olio
succo di limone

Pulire i carciofi eliminando le foglie esterne dure e la parte superiore. Tagliarli finemente con il coltello e metterli per qualche minuto in acqua e limone perchè non anneriscano. Nel frattempo mettere una padella a scaldare con un filo di olio. Unire i carciofi scolati e cuocere con coperchio per 10-15 minuti. Aggiungere acqua se necessario. Trascorso il tempo unire la pancetta e proseguire la cottura. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Nel frattempo sbattere le 3 uova in una terrina con sale, pepe e parmigiano. Scolare gli spaghetti e unirli al sugo in padella, versare la salsa di uovo e passare velocemente sul fuoco sempre mescolando per evitare che diventi una frittata. Spolverare di pepe e servire.

mercoledì 29 gennaio 2014

CUORI DI PIADINA LORIANA CON MOUSSE DI SALMONE

CUORI DI PIADINA LORIANA CON MOUSSE DI SALMONE


Buongiorno! E' quasi febbraio e qui si inizia già a pensare a qualche idea per il menù di San Valentino. La mia prima proposta è un antipasto per un menù di pesce. La forma è la tipica di questo giorno e il colore rosa del salmone credo sia davvero stupendo.

1 piadina Sfogliatissima Loriana
100gr formaggio spalmabile
50gr salmone affumicato
latte qb

Tagliare dei cuori dalla piadina con un coppapasta. Disporli su un piatto. Preparare la mousse frullando il formaggio spalmabile con il salmone, conservandone un pezzetto per la decorazione. Se necessario aggiungere un po' di latte per ottenere una crema. Scaldare la piadina per qualche minuto in forno, trasferire la mousse in una sac a poche, farcire i cuori e decorare con una rosellina fatta arrotolando su se stessa una fetta sottile di salmone. 

martedì 28 gennaio 2014

SPEEDY PIZZA

SPEEDY PIZZA


Buongiorno! Non so se capita anche a voi che 10 minuti prima di cena o per merenda vi venga chiesta la pizza. Ebbene qui succede!
Io invece di optare per la pizza surgelata di solito uso questo espediente e direi che viene apprezzato molto, la Chiaretta ha detto a tutti di questa pizza per una settimana sebbene mi prendesse in giro durante la preparazione convinta che non ce la potessi fare.

per ogni pizza:
1 fetta di pane da toast
1 cucchiaio di pomodoro 
sale
origano
2 fette di mozzarella

Tostare il pane da un lato in una padella. Girare la fetta e spalmare il pomodoro condito con sale e un filo di olio sulla fetta dalla parte già tostata. Disporre la mozzarella e chiudere con il coperchio spegnendo la fiamma in modo che si sciolga. Spolverare di origano e servire.

Io la uso a volte anche come idea per una merenda un po' speciale, magari accompagnata da una spremuta di arancia fresca.

lunedì 27 gennaio 2014

TAGLIATELLE DI CAROTE CON LE VONGOLE

TAGLIATELLE DI CAROTE CON LE VONGOLE


Buongiorno! Oggi un piattino particolare che ho preparato ieri. Complice un quintale di carote che avevo nel frigo e la macchinetta della pasta nuova ricevuta a Natale. 
Il sugo è stato una sfida, non volevo che coprisse il colore della pasta, ma volevo un sapore particolare e le vongole hanno fatto al caso mio. 

2 carote
200gr farina
1 uovo e 1 tuorlo
sale
1 sacchetto di vongole
pomodorini
pepe
olio

Cuocere al vapore le carote già lavate e sbucciate. Frullare le carote con le uova. Su un tagliere disporre a fontana la farina, mettere al centro il composto di uova e carote, un pizzico abbondante di sale e un cucchiaio di olio. Impastare fino ad ottenere un panetto omogeneo, se necessario unire altra farina. Fare riposare la pasta coperta con la pellicola per circa 30 minuti prima di stenderla. Nel frattempo lavare e spurgare le vongole. Metterle in una padella con un filo di olio e coprire con il coperchio affinchè si aprano. Stendere la pasta e preparare le tagliatelle. Io questa volta ho usato il rullo apposito della macchinetta ma si possono fare anche al coltello (metodo che io trovo più veloce e pratico!). Eliminare i gusci delle vongole. Tagliare a cubotti i pomodorini e metterli in una padella con un filo di olio e cuocere qualche minuto. Unire anche le vongole. Cuocere le tagliatelle in abbondante acqua bollente salata. Siccome sono di pasta fresca cuociono in 4-5 minuti. Scolare e saltare pochissimo con il condimento. Pepate e servite. 
Lasciare le tagliatelle morbide, cioè con un po' di acqua, prima di unirle al condimento in modo che diventino sugose al punto giusto senza seccarsi troppo. 

sabato 25 gennaio 2014

LA PASTA MADRE

LA PASTA MADRE



Buongiorno! Come promesso iniziamo la rubrica dedicata alla pasta madre e per prima cosa occupiamoci di crearla.
Se non avete la fortuna di riceverne in regalo un pezzo già pronto potete provvedere a crearla da sole anche se si tratta di un processo un po' più lungo, durerà circa 15 giorni.
Quella che vi propongo, e quella che ho seguito io, è quella delle sorelle Simili:

1° giorno
Impastare 200gr di farina, 90gr di acqua, 1 cucchiaio di olio e 1 cucchiaio di miele fino ad ottenere un panetto omogeneo. Mettete il composto in un vaso pulito e asciutto e chiudete con il coperchio ermetico. Avvolgete il vaso in un canovaccio pulito e mettetelo in un posto tiepido (circa 25°)

Dopo 48 ore
L'impasto dovrebbe essere raddoppiato di volume ed avere un odore acido, che ricorda il lievito appunto.
Rinfrescate ora l'impasto: prendete 100gr del composto nel barattolo, unite 100gr di farina e 45gr di acqua.
Impastate il tutto fino ad ottenere un panetto. Buttate il composto in eccesso rimasto nel barattolo e mettete dentro il nuovo panetto. Riponete di nuovo il barattolo chiuso e coperto dal canovaccio.

Dopo altre 48 ore
Rinfrescate nuovamente il lievito come la volta precedente impastando 100gr di lievito con 100gr di farina e 45gr di acqua.

Ripetete questa operazione ogni 2-3 giorni per le prime 2 settimane circa, il vostro lievito dovrà essere in grado di raddoppiare in 4 ore circa. 

Conservate il vostro lievito in un ambiente tiepido e in frigo in estate sempre ben chiuso nel vaso di vetro e arrotolato nel canovaccio per mantenerlo al buio.

Alcuni piccoli accorgimenti:
  • nei rinfreschi utilizzare acqua della bottiglia e non del rubinetto
  • aggiungere un cucchiaino di miele ad ogni rinfresco per aiutare il nutrimento del lievito
  • avvolgere il barattolo in un canovaccio per mantenerlo più caldo e al buio
  • rinfrescare il lievito una volta a settimana circa
  • prima di fare lievitati impegnativi ( come panettone, pandoro o colomba) rendete il vostro lievito più attivo con rinfreschi più frequenti, circa 2 al giorno per 2-3 giorni
  • la pasta madre lavora meglio con la farina macinata a pietra perchè ricava più nutrimento, ma se non la avete va bene anche quella normale e il nutrimento verrà dato principalmente dal miele
  • nei primi rinfreschi buttate il lievito che eccede perchè non ha ancora sviluppato le sue proprietà
  • quando dovrete panificare rinfrescate il vostro lievito ed utilizzate l'eccedenza per i vostri lievitati
Nella prossima puntata vi metterò la prima ricetta per utilizzare gli esuberi di pasta madre, sono ricette veloci che non necessitano di grande lievitazione.

Tutto ciò che ho scritto qui deriva dalla mia esperienza personale, di ricerca su internet e su vari libri, non sono regole assolute, dopo il primo periodo di adattamento troverete i vostri ritmi di preparazione ed imparerete a capire quelli del vostro lievito.











venerdì 24 gennaio 2014

TARTUFI AL TIRAMISU'

TARTUFI AL TIRAMISU'


Buongiorno! Dopo una settimana infernale, che non è ancora finita tra l'altro, voglio proporvi questo dolcetto goloso e velocissimo da fare. Sarà perchè io avrei bisogno di uno scatolone di questi tartufini in questo momento, ma credo che sia giunta l'ora di rendervi partecipi di questa meraviglia.
Questa settimana dovevo iniziare la sezione dedicata alla pasta madre e domani troverete il primo post a riguardo. Partiamo proprio dall'inizio, dalla creazione di questa meraviglia.

per 10 tartufini tiramisù

7 savoiardi
45gr di zucchero
250gr mascarpone
1 tazzina di caffè Molinari ristretto e già zuccherato 
cacao amaro

Preparate il caffè, zuccheratelo a piacere e lasciatelo intiepidire. In una terrina mescolate con una spatola il mascarpone con lo zucchero, unite il caffè e rendetelo una crema. Tagliate i savoiardi a pezzetti piccoli e incorporateli nella crema. Mettete il tutto a riposare in frigo per un'oretta circa. Prendete il composto e iniziate a formare i tartufini. Man mano che li preparate rotolateli nel cacao amaro. Rimettete in frigo per un'ora e mezza circa e servite. 


giovedì 23 gennaio 2014

POLPETTE DI ZUCCA CON CUORE FILANTE

POLPETTE DI ZUCCA CON CUORE FILANTE


Buongiorno! Oggi vi presento una ricettina che mi frullava in testa già da un po', le polpette di zucca.
Ho pensato di renderle più ricche con un cuore di formaggio, ma al tempo stesso salutari grazie alla cottura al forno. Ovviamente si possono anche friggere ma sapete che io non amo questa cottura.

70gr zucca
1 patata piccola
caciotta morbida a cubetti
2 fette di pan carrè
latte q.b.
pane grattugiato
sale
pepe

Tagliare la zucca pulita e la patata sbucciata a cubetti e cuocere al vapore per 15 minuti circa, deve diventare morbida. Schiacciare ora le verdure in una terrina con la forchetta, unire il pan carrè precedentemente ammollato in poco latte e iniziare a mescolare. Unire poi sale e pepe e il pane grattugiato necessario ad ottenere una consistenza morbida ma non troppo appiccicosa. Preparare una teglia ricoperta di carta forno e prelevare una noce di composto di verdure, mettere al centro un cubetto di formaggio e richiudere con altro composto. Formare così le polpette, rotolarle nel pane grattugiato e disporle sulla carta forno. Passare sulla superficie un filo di olio. Infornare a 180° per 10 minuti, girare le polpette e infornare altri 10 minuti.
Servire calde, tiepide o fredde, si adattano bene ad ogni esigenza.
Ho servito queste polpette nel piatto elegance in cellulosa Ecobioshoppig
Ecco il cuore filante:



Con questa ricetta voglio presentarvi anche la mia nuova collaborazione con Ecobioshopping.
Questa azienda vende online stoviglie ecologiche e che preservano l'ambiente. Sono monouso utilizzabili per la ristorazione che per uso domestico.


Ecco i prodotti di cui l'azienda mi ha omaggiato per presentare le mie ricette.
Sono realizzati in polpa di cellulosa e in foglia di palma. 
Per ulteriori informazioni visitate il sito www.ecobioshopping.it in cui troverete tante utili notizie

Non mi resta che darvi appuntamento a presto con altre gustose ricette.


mercoledì 22 gennaio 2014

RISOTTO POLLO E CURRY

RISOTTO POLLO E CURRY


Buongiorno! Oggi ecco la seconda ricetta per la tappa dell'India, quella di ispirazione indiana ma elaborata a modo mio. Preparo spesso il pollo al curry, servito con il riso, ma questa volta ho pensato di cuocere tutto insieme e il risultato è stato sublime, meraviglioso!
E' diventato uno dei piatti forti della mia cucina. 

1-2 fettine di pollo
1/2 cipolla bianca
200gr riso
1l brodo
2-3 cucchiaini di curry Tec-al
1/2 bicchiere di vino bianco

In una padella mettere un filo di olio e soffriggere la cipolla tritata. Unire poi il pollo e il riso. Tostare per qualche minuto e sfumare con il vino bianco. Iniziare ora ad aggiungere qualche mestolo di brodo e il primo cucchiaino di curry, mescolare e proseguire la cottura aggiungendo altro brodo se necessario. Quando aggiungete brodo unite anche un po' di curry fino ad ottenere il gusto desiderato. Se necessario unite anche poco sale, ma dopo averlo assaggiato perchè risulterà già molto saporito. A cottura ultimata mantecare con una noce di burro e servire.

martedì 21 gennaio 2014

TANTI AUGURI A TE, MIO CARO BLOG!

TANTI AUGURI A TE, MIO CARO BLOG!

(immagine web)

Buongiorno! Oggi il mio piccolo spazio compie 1 anno. In effetti, se non fosse per il piccolo conta giorni nella pagina, non ci avrei forse fatto caso, infatti mi sembra proprio ieri di aver pubblicato il primo timido post. Invece ormai da un anno condivido i miei esperimenti culinari e parte della mia vita con voi. In questo anno ho avuto la fortuna di conoscere persone meravigliose, che mi stappano un sorriso anche nelle giornate no e che mi suggeriscono tante brillanti idee. Per festeggiare insieme questo giorno la ricetta non poteva mancare e ho pensato di rappresentare uno dei dolci classici che adoro, il profiterole!

PROFITEROLE


Bignè
crema pasticcera
panna montata

per la glassa:
50gr panna liquida
75gr cioccolato fondente
2 cucchiai di zucchero

Preparare la crema pasticcera come indicato qui. Lasciarla raffreddare coperta con una pellicola alimentare. Montare la panna (io ne ho usata circa 150gr). Mescolare dal basso verso l'alto con una spatola per unire la panna e la crema. Farcire uno ad uno i bignè e iniziare a comporre la piramide. Quando avete completato la piramide iniziate a preparare la glassa. In un pentolino sciogliere (meglio a bagnomaria) il cioccolato fondente con lo zucchero e la panna liquida mescolando spesso. Con un cucchiaio iniziare a far cadere il cioccolato fuso sopra i bignè. Mettere in frigo per qualche ora (il cioccolato deve asciugare) e servire.

Ah, dimenticavo! L'esame credo sia andato abbastanza bene e finalmente parte dell'ansia se ne è andata!!






lunedì 20 gennaio 2014

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: INDIA

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: INDIA


Buongiorno! Oggi siamo arrivati all'ultima tappa del nostro viaggio. Mr Fogg in India ha trovato moglie, noi troviamo invece dei profumi intensi e speziati. Per questa tappa ho pensato di realizzare una ricetta abbastanza tradizionale e una ricetta dai sapori speziati ma interpretati a modo mio. 
Colgo inoltre l'occasione per ringraziare di cuore tutte coloro che mi hanno accompagnato in questo straordinario viaggio culinario. Io ho scoperto sapori molti interessanti, spero che lo stesso sia successo anche a voi!

PANE NAAN AL FORMAGGIO


Il pane naan è un tipo di pane lievitato di origine Pakistana, molto popolare in India. Ne esistono diverse varianti e io ho optato per quella al formaggio.
Solitamente è abbastanza alto, io in preda al bisogno di scaricare un po' di tensione ho esagerato con il mattarello e quindi è venuto più sottile, ma è veramente squisito, è stato finito in un batter d'occhio.
Durante la cottura è normale che faccia un po' di bolle, il massimo sarebbe se si gonfiasse tutto. 

350gr farina
125gr yogurt
100ml latte
3 cucchiai di olio
1/8 di cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di sale
200gr formaggio spalmabile (io ho usato il philadelphia)

In una ciotola mescolare la farina con il latte tiepido, il lievito, l'olio e lo yogurt a temperatura ambiente. Quando l'impasto è quasi pronto aggiungere il sale e continuare ad impastare. Lasciare lievitare fino a raddoppio. Dividere l'impasto in 4 parti e cominciare a stendere. Spalmare il formaggio su una sfoglia e coprire con la seconda. Stendere ancora un po' con il mattarello per unire le due sfoglie. Preparare anche l'altro nello stesso modo. Scaldare una padella sul fuoco e mettere il pane naan. Abbassare leggermente la fiamma, in questo momento dovrebbero iniziare a comparire le bolle. Cuocere qualche minuto e girare con una spatola. Completare la cottura e servire tiepido.

Le vostre ricette indiane:
tandoori murghi di Un'arbanella di basilico
Cena in India di Pinkopanino


domenica 19 gennaio 2014

INVOLTINI DI SOGLIOLA CON CREMA DI PEPERONI

INVOLTINI DI SOGLIOLA CON CREMA DI PEPERONI


Buongiorno e buona domenica! Ieri si è conclusa la sweet week e dopo tanti dolci ecco un piattino leggero e gustoso.
La cottura al forno garantisce la leggerezza e la salsina conferisce gusto e un bellissimo colore.
Vi scrivo velocemente perchè domani avrò il primo esame della sessione e diciamo che sono più di due settimane che sono immersa nella statistica e vi posso dire che io e i numeri non abbiamo un gran feeling, anzi li detesto e mi fanno venire un gran mal di testa...


4-6 fettine di sogliola
pane grattugiato
pepe
sale
olio evo
1 peperone rosso

Cuocete il peperone in forno a 180° fino a che non inizia ad abbrustolirsi. Tiratelo fuori e mettetelo in un sacchetto di plastica per il freezer e chiudete. Lasciatelo raffreddare così, prelevatelo, privatelo dei semi e del picciolo e spellatelo. Nel frattempo mescolate il pane grattugiato con un po' di pepe e sale. Impanate i filetti di sogliola e arrotolateli. Fermate con uno stecchino e disponete su una placca coperta di carta forno. Passate un filo di olio sopra gli involtini e infornate a 180° per 15 minuti circa. Mettete nel bicchiere del frullatore il peperone spellato, unite pochissimo olio e cominciate a frullare. Aggiustate di sale e pepe. Preparate i piatti mettendo sotto un pochino di salsa e disponendo sopra gli involtini. Io ho poi messo la salsa avanzata in una coppetta in modo che ognuno potesse aggiungere salsa a piacere.

sabato 18 gennaio 2014

TIRAMISU' ALLO YOGURT

TIRAMISU' ALLO YOGURT


Buongiorno! Altro dolce al cucchiaio e altra ricetta per consumare i dolci natalizi avanzati. E' una rivisitazione allo yogurt del tiramisù classico. Per ingolosirlo abbiamo grattugiato sulla superficie del cioccolato fondente.

Per 2 persone

125gr yogurt
125gr mascarpone
3 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di limone
1 bicchierino di rhum
Pandoro q.b.

Tagliare a fette il pandoro e disporne una fetta sul fondo di 2 coppe. Sbattere il mascarpone con lo yogurt e lo zucchero, quando risulta abbastanza montato aggiungere un cucchiaino da caffè di limone e un bicchierino di liquore( io ho usato il rhum). Continuare a montare fino a che non si ottiene una crema soffice e uniforme. Versare la crema nelle 2 coppe sopra il pandoro. Finire con del cacao amaro spolverizzato o del cioccolato fondente grattugiato. Lasciare in frigo un paio d’ore prima di servire.

venerdì 17 gennaio 2014

MUFFIN COCCO E YOGURT

MUFFIN COCCO E YOGURT


Buongiorno! Non potevo concludere questa dolce settimana senza dei muffin. Adoro questi dolcetti soffici e questa volta voglio proporvi quelli allo yogurt perchè sono estremamente semplici ma gustosi! 
L'aggiunta del cocco conferisce quel tocco in più sia alla consistenza che al sapore.
Ho preso la ricetta da un numero di Più dolci, credo che fosse dell'anno 2012.

180gr farina
100gr zucchero
100gr yogurt
3 uova
25gr fecola
25gr farina di cocco
100gr burro
½ arancia
2 cucchiaini di lievito
2 pizzichi di sale


Montare il burro morbido con lo zucchero e la buccia grattugiata dell’arancia. Unite le uova, continuando a montare con le fruste. Unite le farine, il lievito, il sale e la farina di cocco. Continuate a lavorare con le fruste e aggiungete poi lo yogurt. Mescolate bene il tutto e distribuitelo negli stampini. Infornare a 180° per 25 minuti. Sfornare e lasciar raffreddare.

giovedì 16 gennaio 2014

STRACCHINO DELLA DUCHESSA IN COPPA

STRACCHINO DELLA DUCHESSA IN COPPA


Altro appuntamento di questa dolce settimana! Oggi vi propongo un dolce al cucchiaio. E' una versione in coppa del famoso stracchino della duchessa, con qualche modifica personale dovuta agli ingredienti che avevo a disposizione.
L'idea originale era di fare uno stracchino della duchessa dal formato classico, ma quando ho tirato fuori il sacchetto dei savoiardi ne erano rimasti solo una decina e non erano assolutamente sufficienti, quindi ho optato per questa forma.

per 4-6 coppe

250gr mascarpone
1/2 bicchiere di latte
30gr cioccolato tagliato a scaglie o gocce di cioccolato
30gr mandorle
80gr zucchero
1-2 tazze di caffè Molinari
rum
20gr cacao in polvere
savoiardi

In una terrina mescolare il mascarpone con il latte, aggiungendolo gradatamente fino a raggiungere una consistenza piuttosto morbida.
Unire anche lo zucchero e continuate a lavorare il mascarpone fino ad ottenere una crema liscia. Dividere la crema in 2 parti. In una mettere le gocce di cioccolato. Nell'altro il cacao amaro e le mandorle tritate. Preparate il caffè, zuccheratelo a piacere e fatelo intiepidire. Versatelo in un piatto, unite il rum a piacere.
Preparate le coppe intingendo 2 savoiardi nel caffè e disponendoli sulla base. Fate il primo strato con la crema al cioccolato e coprite con un altro strato di savoiardi. Disponete ora la crema con le gocce di cioccolato e mettete in frigo fino al momento di servire. Spolverate la superficie con altro cacao amaro e servite.



mercoledì 15 gennaio 2014

TORTA AL LIMONE

TORTA AL LIMONE


Buon pomeriggio! Continua la mia sweet week.
Ecco dunque la torta preferita di mia mamma, soffice, adatta per la colazione e dal sapore intenso di limone.
Ne ho provate altre varianti ma questa rimane un must. e' veloce da preparare ma conquista tutti al primo morso.
Volevo poi anticiparvi che dalla prossima settimana verrà inaugurata la sezione sulla pasta madre, si partirà da come prepararla e curarla fino ad arrivare alle ricette!

350gr farina
375gr zucchero
3 uova
1 bicchiere di latte
1 bicchiere di olio di semi
1 bustina di lievito vanigliato
1/2 bicchiere succo di limone Polenghi

In una terrina mescolare la farina con 250gr di zucchero, le uova, il latte, l'olio e il lievito. Trasferire il composto in una tortiera e infornare a 180° per 50-60 minuti.
Quando la torta è cotta sfornare e praticare dei buchini sulla superficie con uno stuzzicadenti. Mescolare il restante zucchero con il succo di limone e versarlo pian piano sopra la torta avendo cura che si assorba bene. Lasciare raffreddare e sformare la torta.




martedì 14 gennaio 2014

STRUDEL VELOCE

STRUDEL VELOCE


Buongiorno! Ancora dolce, ebbene sì!
Ho pensato di dedicare questa settimana ai dolci, una sweet week ci traghetti dolcemente verso il primo compleanno di questa piccola creatura.
Dopo due dolcetti abbastanza impegnativi ecco un dolce tradizionale e velocissimo. Per il momento non mi sono cimentata nella pasta fatta in casa e risolvo il tutto con la pasta sfoglia. Una soluzione veloce e gustosa.
Questa ricetta è il cavallo di battaglia del papà!

1 rotolo di pasta sfoglia
2 mele
uvetta
pinoli
marmellata di mela
zucchero a velo

Sbucciare le mele e tagliarle a fettine sottili. Stendere la sfoglia in una placca e bucherellare il fondo. Dividere immaginariamente la sfoglia in 3 parti e spalmare la marmellata su 2/3 di essa. Stendere le mele sulla parte centrale, coprire con pinoli e uvetta e richiudere a libro. Bucherellare anche la parte superiore e infornare a 180° per 25 minuti circa. Lasciare intiepidire e spolverizzare con lo zucchero a velo. Servire tiepido da solo o con una pallina di gelato alla crema.


1 roll of puff pastry
2 apples
raisin
pine nuts
apple jam
powdered sugar

Peel the apples and cut into slices. Roll out the pastry on a baking tray. Imaginatively divide the pastry into 3 parts and spread the jam over 2/3 of it. Spread the apples on the central part, covered with pine nuts and raisins and close like a book. Bake at 180 ° C for about 25 minutes. Allow to cool and sprinkle with icing sugar. Serve warm alone or with a scoop of vanilla ice cream.

lunedì 13 gennaio 2014

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: AUSTRALIA

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: AUSTRALIA


Buongiorno! Eccoci alla penultima tappa del nostro lungo viaggio. Oggi il nostro aereo virtuale ci ha portato in Australia. Non ho mai avuto la fortuna di recarmi in questo luogo stupendo purtroppo ma ho ascoltato molto volentieri il racconto di una mia grande amica che ha trascorso qui 3 mesi.


LAMINGTON


Io ho guardato nel mio libro che vi ho già citato, I dolci del mondo, e mi ha descritto questo come uno dei dolci più tipici australiani insieme a vari altri di ispirazione americana. La ricetta subito sembrava molto lunga e complicata ma leggendo con calma ho notato che la base era molto simile al pan di spagna e quindi ho utilizzato questo come base. Le farciture variano mantenendosi comunque su una marmellata dal colore rosso.

1 pan di spagna
marmellata di frutti rossi
250gr cioccolato fondente
125gr latte
cocco rapè

Tagliare il pan di spagna orizzontalmente formando 2 dischi di uguale spessore. Farcire il disco sottostante con abbondante marmellata e richiudete con l'altro disco. Tagliare a quadrati regolari la torta. Sciogliere in un pentolino il cioccolato fondente, quando sarà sciolto unite il latte caldo a filo mescolando. Intingete ora i cubetti di torta nel cioccolato aiutandovi con una forchetta per risollevarli e rotolateli nel cocco rapè. Lasciate asciugare per 30 minuti circa e servite.

Ho scoperto che questi dolcetti prendono il loro nome dal barone Lamington che fu governatore del Queensland in Australia dal 1896 al 1901. Si dice che una cameriera fece cadere per errore nel cioccolato fuso una fetta della torta favorita del barone, il quale fu costretto a spolverizzarla con il cocco per non sporcarsi le dita. Altri dicono che prenda la sua forma dal cappello favorito del barone.

Ecco le vostre ricette australiane:
Filetto alla griglia di Un'arbanella di basilico
Lamingtons di Pinkopanino
Biscotti australiani anzac di La forchetta rossa




domenica 12 gennaio 2014

TORTA SAINT HONORE' DI PANETTONE

TORTA SAINT HONORE' DI PANETTONE


Buongiorno! Come promesso ecco il super dolce!
Se siete a dieta evitate questo post, se siete golosi o avete un panettone da smaltire ecco la soluzione che fa per voi!
Ho voluto ricreare la torta Saint Honorè, ma con una base di panettone. Le creme sono veloci e tutte a freddo. Se volete potete fare voi i bignè, ma io per ottimizzare i tempi ho utilizzato quelli confezionati.

1 panettone
8 bignè
500gr mascarpone
250gr panna montata
5 cucchiai di crema di nocciole
1 bicchierino di Porto
4 cucchiai di zucchero
1/2 bicchiere di latte

Tagliare il panettone ricavando 3 dischi circa uguali dalla parte inferiore. Preparare ora le creme. Dividere il mascarpone in 2 terrine, mettere in ciascuna 2 cucchiai di zucchero. In una mescolare il tutto aiutandosi con il latte, aggiungere la crema di nocciole e mescolare fino ad ottenere una crema uniforme. Prendere l'altra terrina e mescolare con l'aiuto del Porto, unire 2 cucchiai circa di panna montata e mescolare bene. Farcire il primo strato di panettone con la crema bianca, coprire con un altro disco e farcire con la crema al cioccolato. Chiudere con il terzo strato e spalmare la superficie con uno strato sottile di panna montata. Riempire i bignè con la panna e disporli sulla torta lasciando uno spazio tra uno e l'altro. Decorare la torta facendo dei ciuffetti di crema al cioccolato tra un bignè e l'altro e altri ciuffetti di panna nel centro.





sabato 11 gennaio 2014

TORTA RUSTICA

TORTA RUSTICA


Buon pomeriggio! Oggi voglio proporvi questa torta salata. Non so se vale anche per voi ma di solito il sabato sera chiama pizza o torta salata, quindi ecco la mia idea per la cena.
Inoltre è perfetta per finire gli avanzi che avete nel frigo e dargli nuova vita!
Vi consiglio domani di passare perchè ci sarà un dolce super ad attendervi!

1 rotolo di pasta sfoglia
150gr formaggio (io ho usato scamorza e emmental)
1 mozzarella
100gr pancetta affumicata
4 wurstel

Stendere la pasta sfoglia in uno stampo. Tagliare a cubetti il formaggio e la mozzarella. Bucherellate con una forchetta la sfoglia e disponete sopra la pasta i formaggi, unire anche la pancetta. Tagliare a rondelle i wurstel e spargere anch'essi sopra la pasta. Infornare a 180° per 20 minuti. Servire calda.

venerdì 10 gennaio 2014

GNOCCHI DI CASTAGNE CON GAMBERETTI

GNOCCHI DI CASTAGNE CON GAMBERETTI


Buon pomeriggio! Oggi gnocchi! Lo so non è giovedì ma sono talmente buoni che non posso aspettare una settimana intera per condividerli con voi!
Vi avevo già proposto gli gnocchi di castagne con un condimento avvolgente e dai sapori di montagna, questa volta ho voluto trasferire la montagna al mare. Ho unito gli gnocchi di castagne con un condimento veloce, fresco e a base di gamberetti, ma ho usato un tocco segreto per renderli più saporiti.

per gli gnocchi di castagne vedere qui

per il condimento:
gamberetti sgusciati (vanno benissimo anche quelli surgelati)
10 pomodorini
1 pomodoro secco
passata di pomodoro
pepe

In una padella mettere a scaldare un filo di olio. Tagliare in quarti i pomodorini e metterli nella padella, schiacciarli leggermente, unire un cucchiaio di passata di pomodoro e i gamberetti. Tritate finemente il pomodoro secco e unitelo al sugo. Cuocete per qualche minuto e saltate con gli gnocchi precedentemente cotti in acqua bollente salata.

Se vi dovessero avanzare degli gnocchi potete congelarli disponendoli su dei vassoi di cartone cosparsi di farina, riporli in frigo per 1 giorno e raccoglierli negli appositi sacchetti. Al momento della cottura gettateli ancora congelati nell'acqua bollente.

Il condimento può sembrare insolito, infatti anche noi eravamo scettici subito, ma all'assaggio si presenta un connubio perfetto. La farina di castagne viene armonizzata con il dolce dei gamberetti e l'acido del pomodoro.

giovedì 9 gennaio 2014

MILLEFOGLIE DI PIADINA LORIANA

MILLEFOGLIE DI PIADINA LORIANA


Buon pomeriggio! Altra ricetta velocissima per un pasto super goloso.
Questa volta la base della mia ricetta è la buonissima piadina Loriana.
Ecco dunque come ho composto questa millefoglie.

1 piadina classica Loriana
3 fette di prosciutto cotto
6 pomodori secchi
3 fettine di brie

Tagliare la piadina in 4 parti uguali. Iniziare a comporre la millefoglie mettendo una fetta di prosciutto cotto sul primo quarto di piadina, mettere poi sopra 2 pomodori secchi e una fettina di brie. Coprire con un altro quarto di piadina e proseguire come prima. Coprire con l'ultimo pezzo e traferire la millefoglie sulla placca del forno. Infornare per 5 minuti a bassa temperatura in modo che si scaldi la piadina e si sciolga il formaggio. Tagliare a metà e servire.

Con questa semplice ma gustosa ricetta voglio parlarvi della mia nuova collaborazione con Loriana.
Loriana produce le sue piadine secondo la ricetta tradizionale romagnola, scegliendo con cura le materie prime e garantendo ai suoi prodotti una naturale fragranza grazie alla sua confezione protettiva.
Piadina Loriana mi ha omaggiato di alcuni suoi prodotti per preparare le mie ricette, eccoli nel dettaglio:



1 confezione di piadina sfogliatissima classica
1 confezione di piadina light
1 confezione di piadina arrotolabile
1 confezione di piadapizza

Vi la scio dunque appuntamento a presto con le mie nuove ricette preparate con questi prodotti.
Ho già in mente un goloso antipasto per San Valentino!



mercoledì 8 gennaio 2014

RISOTTO FILANTE CON FUNGHI E PROSCIUTTO

RISOTTO FILANTE CON FUNGHI E PROSCIUTTO


Buon pomeriggio! Come è andato il rientro? 
Oggi voglio proporvi un altro piatto velocissimo, semplice e gustoso. Un esempio su come fare di necessità virtù!
Avevo nel frigo una mozzarella in scadenza e un rimasuglio di prosciutto cotto che non si riusciva più a tagliare con l'affettatrice, 20 minuti prima dell'arrivo della sorellina dall'asilo e un pranzo da inventare.
Il tutto contornato da un'allegra (si fa per dire!) mattinata di studio.
Ecco quindi l'occasione in cui si è presentata questa idea e per dare quel tocco in più sono ricorsa ai miei adorati funghi.

200gr riso
1l brodo vegetale
1 mozzarella
1 scatoletta di funghi
100gr di prosciutto cotto
pepe nero

Tostare il riso in padella insieme al prosciutto cotto a dadini. Sfumare a piacere con del vino bianco o direttamente con il brodo e iniziare la cottura. Unire i funghi scolati e il sale se necessario. Proseguire la cottura aggiungendo brodo al bisogno. Spegnere il fuoco e mantecare con un po' di parmigiano e la mozzarella a dadini. Spolverare di pepe e servire.

martedì 7 gennaio 2014

INVOLTINI CON POMODORI SECCHI E FETTINA INALPI CLASSICA

INVOLTINI CON POMODORI SECCHI E FETTINA INALPI CLASSICA


Buon pomeriggio! Oggi dopo i bagordi delle feste torniamo alla normalità. Lo studio riprende, si è mai interrotto forse durante le vacanze?! Va be, dettagli!! E finalmente rientro in cucina, mi è mancata davvero un bel po', più di una settimana senza una padella è stato un periodo lunghissimo!
Cucina di casa significa però anche semplicità e quindi ricominciamo questa giornata con una ricetta salvacena, veloce e gustosa, da preparare sul momento.

per 2 persone
6 fettine di tacchino o pollo
6 pomodori secchi
3 fettine Inalpi classiche
1/2 bicchiere di vino bianco
Olio

Battere le fettine di carne. Disporre in ognuna un pomodoro secco e 1/2 fettina Inalpi. Arrotolare e chiudere con 2 stecchini i lati. In una padella scaldare u filo di olio e rosolare gli involtini. Sfumare con il vino bianco e coprire con un coperchio per ultimare la cottura. 
Se volete servirlo con le crocchette di patate come abbiamo fatto noi trovate qui la mia ricetta, oppure curiosate nella sezione contorni per trovare altre idee veloci.


lunedì 6 gennaio 2014

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: CINA

IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI: CINA


Buongiorno! Eccoci a riprendere il nostro giro del mondo in 80 giorni. Ci eravamo salutati negli USA e oggi partiamo alla volta della Cina. Non ho mai visitato questo paese quindi non ho la possibilità di mostrarvi foto originali ma cercherò di portarvi lì con il sapore della mia ricetta. Questo può essere un buon piatto da proporre per una cena a tema preparata in casa senza ricorrere al take away cinese più vicino!
Prima di svelarvi la ricetta però voglio augurarvi una felice epifania!

RISO ALLA CANTONESE


200gr riso
100gr prosciutto cotto a dadini
2 uova
1 cucchiaio di salsa di soia
200gr piselli surgelati
1 cipollina

Sciacquate il riso sotto acqua corrente. Mettete a bollire dell'acqua salata e lessate il riso. Nel frattempo tuffate anche i piselli surgelati in acqua salata e bollite per il tempo indicato sulla confezione. Preparate la frittata sbattendo le 2 uova con la cipolla tritata e la salsa di soia. Versate il composto in una padellina e cuocete girando a metà cottura. Scolate il riso e mescolatelo con il prosciutto, i piselli e la frittata tagliata a pezzetti. Unite un filo di olio e servite.

Ecco le vostre ricette cinesi:
Noodles di Un'arbanella di basilico
Gong pao ji ding di Pinkopanino
Pollo alle mandorle di La forchetta rossa
Dalla cina con furore di Pinkpanino


domenica 5 gennaio 2014

TORTELLINI DOLCI NATALIZI

TORTELLINI DOLCI NATALIZI


Buona domenica! Oggi voglio lasciarvi una ricettina tipica dell'emilia che a casa nostra segna tutto il periodo delle feste. Sono i tortellini dolci. Il ripieno varia da famiglia a famiglia e nella nostra zona è possibile anche trovarlo già pronto al supermercato. Alcune famiglie includono nel ripieno anche la saba o mosto cotto, io non l'ho segnato negli ingredienti perchè noi non lo mettiamo solitamente. Sono un dolce che non può mancare sulla tavola dell'epifania e per di più sono velocissimi da preparare!

per la pasta:
500gr farina
130gr burro
2 uova
200gr zucchero
1 bustina di lievito

per il ripieno:
marmellata di prugne
pinoli
noci
amaretti

Per preparare la pasta seguire la ricetta illustrata qui. Intanto che la pasta riposa preparare il ripieno mescolando la marmellata con i pinoli tostati, le noci e gli amaretti sbriciolati. Stendere la pasta ad uno spessori di circa 1cm, disporre dei mucchietti di ripieno con un cucchiaio e ripiegare sopra il resto della pasta. Tagliare con un bicchiere e disporre su una placca rivestita di carta forno. Cuocere a 170° per 20 minuti circa. Posizionateli abbastanza larghi perchè si gonfiano in cottura. Sfornare, lasciar raffreddare e cospargere di zucchero a velo.
Ho accompagnato questo dolce con lo spumante di Lambrusco Otellon'ice e lo spumante Otello dry di Cantine Ceci.

Vi lascio appuntamento a domani per la ripresa del giro del mondo in 80 giorni e vado a Correggio a vedere la sfilata serale della motobefana!

AdSense

Ti potrebbero interessare anche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...