sabato 1 febbraio 2014

QUALCHE RIFLESSIONE PERSONALE SU CIO' CHE STA SUCCEDENDO


QUALCHE RIFLESSIONE PERSONALE SU CIO' CHE STA SUCCEDENDO

Buongiorno! Oggi avrei dovuto parlarvi dei rinfreschi della pasta madre ma vorrei invece condividere un mio pensiero con voi. Se mi seguite da un po' sapete che cerco di evitare polemiche di ogni tipo, ma questa volta un picco appunto mi sento in dovere di farlo. Ieri sera al telegiornale (non specificherò quale) è stato dedicato un servizio di parecchi minuti alla situazione odierna di Roma, sottopassaggi allagati e via discorrendo e un servizio fulmineo sui danni che ci sono stati e ancora ci sono in toscana (Pisa e provincia in particolare, da quanto ho capito) e sul livello di allerta per i fiumi del modenese. Badate bene, tutto ciò senza accennare a tutti i danni che queste povere persone hanno subito nei giorni scorsi e che rischiano ancora vista la continua pioggia. Dunque è vero che abitano vicino alla mia zona e mi si potrebbe accusare di essere più sensibile per questo motivo, però se avessero mostrato le immagini passate sui tg regionali e facilmente reperibili sul web forse più persone avrebbero visto realmente ciò che è successo. Posso inoltre dire che i danni sono reali, ho conoscenti e amici che come volontari della protezione civile sono in zona per aiutare e dalle loro foto si vede una situazione a dir poco tremenda. Solo pochi giorni fa, mercoledì credo, il cimitero di uno di questi paesi era ancora completamente sommerso, poteva benissimo sembrare un lago. Detto ciò vi pare possibile che a tutto ciò sia stato decretato il livello di emergenza ma non quello di calamità naturale? Vi sembra possibile che queste persone, molte delle quali avevano già perso tutto con il terremoto, si trovino per la seconda volta senza casa nel giro di 2 anni? E tutto questo non viene denunciato se non da singole voci? Beh a me sinceramente fa un po' schifo tutto ciò, l'indifferenza associata al vittimismo da telecamere utilizzato per distogliere l'attenzione o semplicemente la risposa dei giornalisti che dicono di non parlarne perchè non fa notizia come la scappatella del presidente francese. 
In una radio locale, che fra l'altro era tra gli organizzatori del concerto per l'emilia tenutosi dopo il terremoto, ha ricevuto la telefonata di una signora che diceva di aver perso la casa nel 2012 a seguito della scossa più forte e questo natale era finalmente entrata nella casa che aveva ricostruito, tutto a spese sue naturalmente, e dopo pochissimi giorni si è trovata nuovamente senza un tetto per se e per la sua famiglia. Solo per rendersi vagamente conto in molti paesi l'acqua arrivava oltre il secondo piano dei palazzi, quindi non solo tutte le macchine sono rimaste sommerse per diversi giorni, ma anche interi negozi devastati dall'acqua, moltissime merci danneggiate, case al piano terra che avevano acqua oltre al soffitto.
Credo dunque che sia uno scandalo che nessuno ne parli, che i tg nazionali fingano di non vedere, che la classe politica si dimostri cieca ai bisogni solo per risparmiare soldi da usare per le loro cene e per i viaggi con le segretarie. 
Il prossimo 28 febbraio la radio di cui parlavo prima ha organizzato un concerto con alcuni artisti per sostenere la ricostruzione di 2 asili nelle zone alluvionate, i soldi serviranno per sistemare la struttura se danneggiata dall'acqua ma soprattutto per ricomprare almeno gli arredi indispensabili per poter riaprire la struttura ai bambini. 
Vi allego la locandina nel caso qualcuno voglia partecipare, e lo faccio perchè conosco personalmente alcune delle persone che lavorano in questa radio e anche il proprietario e so che i soldi raccolti con le iniziative per il terremoto, tra cui magliette, palline di natale e altre varie cose, sono realmente state donate per ricostruire asili e scuole.



Detto ciò sinceramente mi è passata la voglia di spiegare i rinfreschi e di parlarvi delle belle iniziative a cui ho deciso di partecipare, quindi rimando a domani e spero di aver dato un po' di quell'informazione che altri evitano di dare.


15 commenti:

  1. Cara ti capisco benissimo,per fortuna abito in collina e lontano da fiumi e torrenti,il mare dista 10 km,quindi in un certo senso sono lontana da questo tipo di calamità.Ma capisco la tua rabbia e la tua delusione,soprattutto sono vicina a chi per la seconda volta ha perso tutto. Ora si parla solo di Roma perchè la capitale,ma i cittadini non sono tutti uguali e non hanno gli stessi diritti ? In certi momenti mi sento abbandonata dalle istituzioni e dal mio stesso paese...

    RispondiElimina
  2. E ci sorprendiamo? Per i giornalisti fa più notizia la partita di calcio che la tragedia d molti. Bisognerebbe spegnere le tv, tutti.
    Bellissima iniziativa, speriamo raccolgano tante adesioni!

    RispondiElimina
  3. bravissima Linda!hai perfettamente ragione, grazie per le informazioni....simona

    RispondiElimina
  4. Linda il tuo post mi ha fatto venire i brividi. Non immaginavo un disastro tale anche in Emilia, hai ragione non se n'è parlato al telegiornale. Sono vicina a te ed alla tua bella terra devastata. Fammi sapere se posso essere utile anch'io.
    un forte abbraccio

    RispondiElimina
  5. Hai ragione cara...io ieri, ho pensato preciso preciso come te ..........ma non voglio dire altro....grazie per aver pubblicato l'iniziativa!

    Un abbraccio, laura

    RispondiElimina
  6. Non ci sono parole, forse è meglio non commentare! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. I disastri come quelli accaduti nei giorni scorsi sono veramente terribili per tutti. Anche qui a Roma, nel quartiere periferico dove abito, l'acqua ha provocato seri danni a molta gente. Ma per chi a fatica stava riprendendosi dalla tragedia del terremoto, questa nuova calamità diventa veramente insopportabile! Speriamo che si prendano rapidamente i provvedimenti del caso per aiutare così tanta gente ormai disperata!

    RispondiElimina
  8. Hai fatto bene purtroppo, considerazione personale, una volta quando si leggeva sui giornali o si ascoltva per radio e poi yv di avvenimenti di diciamo di una certa entità, si leggeva e commentava e pensava. Poi questi hanno iniziato ad essere spesso presenti e si leggeva si ma non più con l'interesse di una volta, poi sono diventati quasi giornalieri e quindi si passa oltre...l'abitudine fa di questo effetto non a tutti però. Io ho sentito persone che dicevano o.....sempre la solita storia.... oppure ...ma guarda oggi niente morti guerre ecc. !!!
    Ultimamente per tv e non solo ti arrivano anche richieste tramite bollettini a casa ce sempre qualcuno per qualcosa che chiede aiuto, ricerca, adozioni e quant'altro e le donazioni diciamo cosi alle volte non sono libere ma viene richiesta una precisa ..diciamo dono.
    Con i tempi che corrono se dovresti aprire il borsellini per tutte le cose che indubbiamente sono importanti, le persone che chiedono la carità per le strade indifferente la provenienza, alla fine non avresti più soldi in tasca. Purtroppo alle volte si è costretti a tirare avanti.....Se le iniziative effettivamente vanno per chi od a cosa sono state create molto bene, ma siamo sicuri che i soldi che ci chiedono in tv o altro vadano effettivamente a chi a bisogno????
    Chiedo scusa è una mia considerazione da pensionata e da 70enne forseè sbagliato forse no ma io se posso aiuto anche con piccole donazioni ma una tantum di più non potrei.
    Un abbraccio e buona fine settimana.
    PS.
    Se ritieni di eliminare il commento fallo io non me ne avrò assolutamente a male questa è casa tua.

    RispondiElimina
  9. Ciao, che bello il tuo blog e quante cosine tutte da "copiare" :-) Mi sono unita ai tuoi sostenitori, se ti va fallo anche tu. Grazie. Francesca.

    RispondiElimina
  10. Hai proprio ragione.In Italia è tutto un succedersi di cose vergognose.
    Non ci sono i soldi per gli alluvionati e terremotati, la gente perde il posto di lavoro, le fabbriche chiudono, Electrolux e Fiat scappano...tutto per foraggiare i tedeschi e tenerci l'euro.
    E i giornalisti ubbidiscono :-(

    RispondiElimina
  11. Condivido pienamente la tua indignazione. Sono emiliana anch'io, anche se non vicinissima ai luoghi dell'alluvione, ma non con questo meno solidale con chi sta soffrendo in silenzio.
    Un bacio e grazie per aver pubblicato questo post.

    RispondiElimina
  12. Hai fatto proprio bene a far sentire la tua voce, a volte sembra che certe notizie le vogliano nascondere....
    Nameless Fashion Blog
    Nameless Fashion Blog Facebook page

    RispondiElimina
  13. E' da tempo che non seguo quasi più i tg, mi sono proprio seccata e non sopporto nè giornalisti nè politici! Per quanto possa servire ti abbraccio e con te tutte le persone che non hanno più nulla...

    RispondiElimina
  14. Ho letto ora e mi dispiace davvero tanto per quello che è successo a quelle persone. Prima il terremoto e ora la pioggia...non riesco neppure a immaginare cosa deve aver provato quella donna che è riuscita a ricostruirsi la casa e l'ha ripersa...
    :(

    RispondiElimina

AdSense

Ti potrebbero interessare anche

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...